Notizie su mercato immobiliare ed economia

Spesometro 2018, scadenza per la presentazione dei dati al primo ottobre

fisco
Creative commons
Autore: Redazione

Il primo ottobre scade il termine per trasmettere le fatture emesse e registrate relative al primo semestre 2018. Si tratta del cosiddetto spesometro, la cui scadenza era inizialmente fissata alla fine di maggio, dato il periodo trimestrale fissato dal Dl 193/2016.

La scadenza per gli adempimenti è stata rinviata al primo giorno di ottobre, dato che il 30 settembre, termine naturale della proroga, cade di domenica. Tuttavia, avendo spostato il termine di un trimestre, le fatture da trasmettere non saranno più relative al solo primo trimestre, ma ai primi sei mesi del 2018.

A presentare i dati delle fatture sul secondo trimestre 2018 saranno i contribuenti che presentano lo spesometro con frequenza trimestrale e sono già in regola con gli adempimenti relativi al primo trimestre.

Presenteranno i dati dell’intero semestre invece coloro che si avvalgono della facoltà di esercitare la frequenza semestrale; il termine del 30 settembre, in questo caso, è stato stabilito dal decreto dignità (dl n. 87/2018, convertito nella legge n. 96/2018). Scadenza che era già stata spostata dal 16 al 30 settembre dalla legge 205/2017.

Va precisato che tale scadenza si riferisce all’invio dello spesometro, ma alla comunicazione delle liquidazioni periodiche di cui all'art. 21-bis del dl n. 78/2010 relativa al secondo trimestre, che va inviata entro il prossimo 17 settembre (anche in questo caso la scadenza originaria era il 16 settembre, che cade di domenica).