Notizie su mercato immobiliare ed economia

Servizio idrico e smaltimento rifiuti, si paga l'Imu?

imu
Imu smaltimento rifiuti e servizio idrico / Gtres
Autore: Redazione

Gli immobili destinati al servizio idrico e allo smaltimento rifiuti devono pagare l’Imu? Vediamo cosa ha stabilito la Cassazione.

Se un immobile è destinato dal Comune alla gestione del servizio idrico sul territorio, deve comunque pagare l’Imu e l’Ici, in quanto non si tratta di un servizio istituzionale. Questo è quanto ha stabilito la Corte di Cassazione con l’ordinanza n. 9427 del 4 aprile 2019.

L’esenzione andrebbe riservata, come da articolo 7 comma 1 lettera a del decreto legislativo 504/1992 a quegli edifici che siano posseduti dagli enti pubblici a scopo di svolgimento di compiti istituzionali. Non essendo il servizio idrico un compito istituzionale del Comune, il giudice della Cassazione ha stabilito nulla l’esenzione.

Si tratta invece di una attività economica, che non viene meno nemmeno se a gestire il servizio idrico non è un ente privato; tanto è vero che l’immobile in questione sarà accatastato come categoria D. Stesse considerazioni vanno fatte per gli edifici destinati allo smaltimento dei rifiuti.

Perché venga applicata l’esenzione di cui all’articolo citato, occorre che il Comune presenti prova dell’utilizzo dell’immobile a scopo istituzionale, e in particolare allo svolgimento dei compiti istituzionali dell’ente che ne è proprietario. Una sentenza emessa dalla commissione tributaria provinciale di Terni ha infatti sottolineato come non sia sufficiente all’esenzione che l’ente metta l’edificio a disposizione ai compiti istituzionali di terzi.

Articolo visto su
Servizio idrico, si paga l'Imu (Italia oggi)