Notizie su mercato immobiliare ed economia

Come e quando pagare il bollo auto 2020

Gtres
Gtres
Autore: Redazione

L’emergenza coronavirus ha avuto effetti anche sul pagamento del bollo auto 2020. Tra una proroga e una scadenza, vediamo come pagare, cosa ha stabilito l’Aci e in quali casi è prevista un’esenzione dalla tassa sulla proprietà del veicolo.

Innanzitutto, va specificato che il bollo auto non ha un costo fisso, ma la cifra da pagare varia a seconda dei kiloWatt del veicolo, che sono riportati sulla carta di circolazione o sul libretto. Nel caso non sia disponibile, questo dato può essere calcolato moltiplicando i CV (cavalli vapore) per 0,736.

Le Regioni, infatti stabiliscono un importo da moltiplicare per il numero di kW del veicolo, che aumenta con l’aumentare della classe di inquinamento ambientale, da Euro 0 a Euro 6 (l’Aci e l’Agenzia delle Entrate mettono a disposizione un calcolatore).

La scadenza del bollo auto, quasi sempre, cade nel mese in cui il veicolo è stato immatricolato e il pagamento va effettuato entro il mese successivo. Tuttavia, alcune regioni come Lombardia e Piemonte, fissano la scadenza per le auto immatricolate più recentemente lo stesso mese dell’immatricolazione.

Il bollo auto è una tassa legata al possesso di un’auto che deve essere regolarmente iscritta al Pubblico Registro Automobilistico (PRA), va versata ogni anno, come si diceva, a prescindere dall’utilizzo o meno del proprio veicolo. Tranne per i casi in cui è prevista l’esenzione come per le persone con disabilità o quando il veicolo stesso rientra in determinati parametri (scopri di più).

Tuttavia, l’emergenza coronavirus ha fatto slittare il pagamento con qualche proroga. Il decreto cura Italia, infatti, ha disposto il rinvio per i pagamenti di alcuni tributi. Ma, per quelli relativi ai veicoli, spetta alle Regioni decidere in merito al rinvio dei pagamenti per bollo auto e Ipt (Imposta provinciale di trascrizione).

  • Le decisioni di alcune regioni:
  • Sicilia: per tutti i bolli scaduti da marzo a ottobre, il pagamento deve essere fatto entro la fine dell’anno;
  • Lombardia: il bollo scaduto dall’8 marzo al 30 settembre deve essere pagato entro la fine di ottobre;
  • Lazio, Toscana, Calabria e Veneto: non ci sono ulteriori proroghe;
  • Campania e Umbria: si deve pagare il bollo scaduto nei mesi scorsi entro il 30 settembre 2020.

Tra le novità del bollo auto 2020 c’è anche la possibilità di pagare la tassa attraverso il sistema PagoPa sia direttamente sul sito o sull’App dell’Ente, sia presso la propria banca o sia sugli sportelli ATM abilitati, presso gli uffici postali e punti vendita di SISAL e Lottomatica.

Inoltre, sempre dal 1° gennaio 2020 Pubblico Registro Aci (PRA) può acquisire e gestire i dati relativi al pagamento del bollo auto in modo da bloccare potenziali evasori che non pagano il bollo auto, la verifica avviene semplicemente attraverso un incrocio delle banche dati Aci e Pra.

Il bollo auto 2020 si può pagare:

  • presso la propria banca, anche attraverso l’Home Banking;
  • presso tutti i punti vendita Sisal, Lottomatica;
  • negli Uffici Postali;
  • presso gli sportelli ATM abilitati;
  • sul sito dell’Aci;
  • sul sito dell’Agenzia delle Entrate.
Etichette
bollo auto