Notizie su mercato immobiliare ed economia

Cartelle esattoriali, il nuovo calendario delle scadenze a partire dal 1° marzo

Gtres
Gtres
Autore: Redazione

Dopo la sospensione per i pagamenti delle rate delle cartelle esattoriali, è tempo di ripartire con il nuovo calendario delle scadenze per rottamazione ter, saldo e stralcio, ma non solo. Vediamo tutto quello che c’è da sapere.

A partire dal 1° marzo (il 28 febbraio, giorno della scadenza stabilita, cade di domenica) , infatti, i contribuenti che hanno rateizzato i propri debiti tramite la pace fiscale avranno in scadenza le rate delle cartelle esattoriali. Nel dettaglio, per la rottamazione ter il limite si sposta fino all’8 marzo, considerando il margine di 5 giorni (inoltre sabato e domenica coincidono con il 6 e il 7 marzo).

Ma vediamo, come spiegato dal portale laleggepertutti.it, il calendario dettagliato delle scadenze da rispettare per il pagamento delle cartelle esattoriali. Come detto, il 1° marzo si parte con i pagamenti dovuti per rottamazione ter e saldo e stralcio la cui scadenza originaria era prevista nel 2020 prima della sospensione, il cui calendario completo delle rate è:

  • 28 febbraio;
  • 31 maggio;
  • 31 luglio;
  • 30 novembre.

Il 31 marzo e il 31 luglio, inoltre, sono previste anche le scadenze per la seconda e la terza rata del saldo stralcio (per cui non è previsto il margine di 5 giorni). Sempre per quanto riguarda il saldo e stralcio, chi decide di rateizzare deve seguire il seguente calendario per i pagamenti in scadenza:

  • 35% entro il 30 novembre 2019;
  • 20% entro il 31 marzo 2020 (slittato al 1° marzo 2021);
  • 15% entro il 31 luglio 2020 (slittato al 1° marzo 2021);
  • 15% entro il 31 marzo 2021;
  • 15% entro il 31 luglio 2021.