Notizie su mercato immobiliare ed economia

Conti di deposito, come ottenere rendimenti migliori dei titoli di stato

Autore: sos.tariffe (collaboratore di idealista news)

Anche se a partire dal prossimo 1° Luglio la tassazione sui conti depositi passerà dal 20 al 26%, con conseguente riduzione del guadagno netto da investimento su tali prodotti di risparmio, i rendimenti elevati forniti dai principali istituti di credito per vincoli a 12 o 24 mesi sembrano dirigere le preferenze di una buona parte dei "cassettisti" tricolori verso i conti ad alta remunerazione

Secondo quanto ricordato da un recente approfondimento curato da sostariffe.it, ad esempio, nel corso del mese di maggio sarebbero ben rilevanti le proposte promozionali fornite da alcune delle principali banche operanti sui canali diretti, per aggiudicarsi nuove attività finanziarie. Conto deposito conto in creval, del credito valtellinese, offre ad esempio un tasso di interesse lordo del 2,75% per depositi a 24 mesi, mentre il conto su ibl di ibl banca promuove il 2,45% per vincoli di pari durata

Coloro i quali desiderano invece disporre di vincoli minori, preferendo impegnare i propri risparmi per archi temporali più ridotti, possono optare per il conto deposito che banca! A 12 mesi, che riserva al proprio cliente un rendimento del 2%, o ancora il cash park di fineco, che propone l’1,75%

Di contro, coloro i quali desiderano investire sui titoli di stato a lungo termine, possono oggi spuntare un 5% lordo per i btp a 30 anni, o un 3,4% lordo per un btp a 10 anni. Su pari durata, invece, i conti deposito sembrano avere facilmente la meglio, con garanzie offerte dal fondo interbancario in grado di rassicurare anche gli animi più impavidi.