Notizie su mercato immobiliare ed economia

Partite iva, boom di aperture per sfuggire al nuovo regime fiscale dei minimi

Autore: Redazione

Il nuovo regime fiscale dei minimi in vigore dal 1 gennaio 2015 non sembra piacere molto agli autonomi. Secondo i dati del mef, infatti, a novembre sono state aperte 38.351 nuove partite iva, in aumento del 15,5% in confronto a novembre 2014. Una scelta che con tutta probabilità è dovuta proprio al tentativo di anticipare l'apertura della partita iva entro la fine dell'anno, avvantaggiandosi del regime allora in vigore

Secondo quanto afferma lo stesso mef, la legge di stabilità nell'introdurre il nuovo regime forfettario in sostituzione del preesistente regime fiscale di vantaggio, dispone infatti anche che le partite iva in essere al primo gennaio 2015 con il "vecchio" regime avrebbero potuto continuare ad operare secondo tali modalità. "È quindi possibile che alcuni abbiano anticipato l'apertura della partita iva entro la fine del 2014, ritenendo il regime allora in vigore più vantaggioso"

Le novità della legge di stabiltià

Secondo le novità presentate nella legge di stabilità, dal primo gennaio 2015 mini-imprese e professionisti devono fare i conti con un nuovo regime che vede un'imposta sostituiva più alta (15% contro il 5% del precedente regime dei minimi) e con soglie di ricavi variabili a seconda dell'attività