Notizie su mercato immobiliare ed economia

Domanda pensione anticipata precoci, cosa sapere

Autore: Redazione

Il 1° marzo 2018 scade il termine per presentare la domanda di pensione anticipata con 41 anni di contributi. Vediamo come fare.

Per poter presentare la domanda nel 2018 è necessario che i 41 anni di contributi, assieme agli altri requisiti richiesti per le specifiche categorie di beneficiari della pensione anticipata precoci, siano maturati entro il 31 dicembre 2018.

Chi matura i requisiti nel 2019 deve inviare la domanda per il beneficio precoci entro il 1° marzo 2019, oppure può inviare l’istanza tardivamente entro il 30 novembre 2019. La pensione anticipata con 41 anni di contributi (che dal 2019 si potrà ottenere con 41 anni e 5 mesi di contributi, per effetto degli incrementi legati alla speranza di vita media) è una misura permanente, che non ha scadenza.

La pensione anticipata per i lavoratori precoci può essere ottenuta solo da coloro che possiedono almeno 12 mesi di contributi da effettivo lavoro accreditati prima del compimento del 19º anno di età, se iscritti alla previdenza obbligatoria prima del 1996 e appartenenti a particolari categorie tutelate: disoccupati di lungo corso, caregiver, invalidi dal 74% in su e addetti ai lavori gravosi.

Per ottenere la pensione con 41 anni di contributi bisogna inviare all’Inps la domanda di certificazione del diritto alla pensione anticipata precoci. Questa domanda può essere inviata tramite patronato oppure – se in possesso delle credenziali di accesso – direttamente dall’interessato attraverso il portale web dell’Inps. Una volta eseguito l’accesso al portale, bisogna seguire il percorso: “Domanda di prestazione pensionistica: pensione, ricostituzione, ratei maturati e non riscossi, certificazione del diritto a pensione”, poi bisogna cliccare su “Nuova domanda”.

Ricevute le domande di certificazione dei requisiti, l’Inps deve verificare, in base al numero dei richiedenti e al perfezionamento o meno delle condizioni richieste, quali sono i beneficiari della pensione agevolata. Ai beneficiari viene poi inviata una comunicazione dall’istituto in cui sono certificati i requisiti per la pensione anticipata precoci.

Agli interessati l’Inps deve comunicare l’esito dell’istruttoria della domanda di riconoscimento delle condizioni di accesso al beneficio entro il 30 giugno per le domande di verifica delle condizioni presentate entro il 1° marzo, entro il 31 dicembre per le domande di verifica delle condizioni presentate entro il 30 novembre.

Certificati i requisiti, gli interessati possono inviare la domanda di pensione anticipata precoci, utilizzando sempre gli stessi mezzi, patronato o sito web dell’Inps. Per presentare la domanda di pensione anticipata bisogna accedere al sito dell’Inps con le proprie credenziali e seguire il percorso: “Pensione anticipata/Pensione anticipata/Lavoratori precoci”.

Chi possiede già tutti i requisiti per la pensione anticipata con 41 anni di contributi può inviare la domanda di certificazione del diritto alla pensione assieme alla domanda di pensione vera e propria. Per il via libera al trattamento e per la sua liquidazione si deve comunque aspettare la risposta dell’Inps.