Notizie su mercato immobiliare ed economia

Ape volontaria al via, arrivata l’adesione della prima banca

Autore: Redazione

L’iter per richiedere l’Ape volontaria, ossia il prestito finanziario a garanzia pensionistica, si è sbloccato. E’ infatti arrivata l’adesione della prima banca.

Intesa Sanpaolo ha aderito al finanziamento del prestito che dovrebbe consentire a chi ha più di 63 anni di età e 20 di contributi di ritirarsi dal lavoro grazie a un reddito ponte da restituire al momento del pensionamento con una rata sulla propria pensione nel corso di 20 anni.

L’Inps ha chiarito che i 20 anni di contributi necessari per ottenere il prestito devono essere maturati in una sola gestione. Questo significa che non sarà possibile accedere all’Ape se si hanno ad esempio 18 anni di contributi nella gestione dei dipendenti privati e 18 in quella dei dipendenti pubblici, mentre è possibile se si hanno contributi per lavoro dipendente e autonomo cumulati per almeno 20 anni. Non sono cumulabili con altre gestioni anche i contributi maturati nella gestione separata.

La procedura è ora attiva e l’Inps ha spiegato che è rivolta a chi ha già ottenuto il riconoscimento del diritto all’Ape e al momento sono circa 7.000 le domande di certificazione accolte. Nella domanda va indicato sia l’istituto finanziatore del prestito sia l’impresa assicurativa alla quale richiedere la copertura del rischio di premorienza.

Chi vuole chiedere nella domanda gli arretrati, se hanno maturato il diritto tra il 1° maggio e il 18 ottobre 2017, dovranno farlo entro il 18 aprile. Il prestito potrà essere chiesto fino alla fine del 2019. Per chiederlo bisogna avere almeno 63 anni di età (63 anni e 5 mesi dal 2019) ed essere distanti dalla pensione di vecchiaia non più di 3 anni e 7 mesi. Bisogna avere maturato almeno 20 anni di contributi (in una sola gestione a meno di non aver già fatto e pagato la ricongiunzione) e avere in prospettiva una pensione al netto della rata per la restituzione del prestito di almeno 1,4 volte il trattamento minimo (per il 2018 710,38 euro).

Articolo visto su
Agenzia (Agenzia)