Notizie su mercato immobiliare ed economia

Bussola mutui: come orientarsi sui prestiti per la casa ai tempi della crisi

Autore: mutuisupermarket.it (collaboratore di idealista news)

I dati che emergono dalla bussola mutui, il nuovo bollettino trimestrale gratuito frutto della collaborazione tra il sito di comparazione mutui on line mutuisupermarket.it e crif, sono interessanti per analizzare l’andamento della domanda di mutui nel nostro paese, soprattutto per quanto riguarda le finalità e i tipi di tasso richiesti

È inutile cambiare il mutuo adesso

Analizzando la dinamica delle finalità richieste, si nota una forte contrazione della domanda di
Surroga
, Che nel terzo trimestre 2012 rappresenta solo il 10% del monte totale di richieste, rispetto al 15% dello stesso periodo del 2011. È importante sottolineare come i valori molto elevati assunti negli ultimi mesi dagli spread rappresentino un deterrente forte per i potenziali richiedenti, che difficilmente oggi reperiscono sul mercato mutui a condizioni migliorative rispetto a quelle applicate al proprio finanziamento

Inoltre, gli istituti tendono sempre più a riservare la surroga a profili di mutuatari capaci di trasferire presso il nuovo istituto anche altri asset, quali depositi titoli, assicurazioni sulla vita o carte di credito

Poca voglia di ristrutturare

Il peso della domanda per prima e seconda casa continua a crescere, mentre quello sulle altre finalità (ristrutturazione e costruzione, consolidamento debiti e liquidità) si riduce dal 15% all’11%. Nonostante gli incentivi sugli interventi di miglioramento sul patrimonio edilizio esistente, gli italiani reagiscono alla crisi chiudendo il portafoglio

Variabile, cap o fisso?

Sul fronte dei tassi, si conferma la fortissima polarizzazione sui mutui a tasso variabile e variabile con cap, che raccolgono l’81% delle preferenze dei richiedenti. La scelta si lega sia ai valori molto bassi assunti dagli indici euribor negli ultimi mesi, cui si aggiungono aspettative di aumento solo nel medio-lungo periodo, sia alla distanza del valore delle rate risultanti rispetto a quelle ottenibili con un omologo mutuo a tasso fisso. Tuttavia, sempre in relazione ai bassi valori assunti dagli indici irs, un numero crescente di richiedenti iniziano a optare per la sicurezza offerta dai mutui a tasso fisso, che aumentano la loro incidenza dal 12% del secondo trimestre 2012 al 16% del terzo

Prova lo strumento di idealista per il calcolo mutuo online o compila il form di richiesta mutuo: ti aiutiamo a trovare il migliore nella tua provincia