Notizie su mercato immobiliare ed economia

Detrazione interessi mutuo per i lavori di ristrutturazione: compreso il restauro

Gtres
Gtres
Autore: Redazione

La detrazione degli interessi passivi per il mutuo contratto per la ristrutturazione dell'abitazione principale è valida anche nel caso in cui siano stati eseguiti lavori di restauro o risanamento conservativo. A chiarirlo è stata la Commissione tributaria regionale dell'Emilia Romagna.

Il caso in oggetto è quello di un contribuente che aveva eseguito dei lavori in casa finanziandoli con un mutuo. Si trattava, nello specifico, del rivestimento delle scale, il rifacimento dei bagni e l'eliminazione di una parete. Secondo l'Agenzia delle Entrate il contribuente in questione non aveva diritto alle detrazioni trattandosi di lavori di "restauro e risanamento conservativo" (come affermato dallo stesso soggetto nella pratica edilizia) e non di lavori di ristrutturazione previsti dall'articolo 15 del Tuir.

La Ctr dell'Emilia Romagna ha però dato torto all'Agenzia delle Entrate, considerando che quando la natura dell'intervento è tale da determinare una diversa organizzazione degli spazi, attraverso l'abbattimento e la ricostruzione di componenti murarie, si è sempre in presenza di un lavoro di ristrutturazione, a prescindere dal nome utilizzato. Inoltre, secondo la tesi della Commissione tributaria, un'interpretazione letterale di "ristrutturazione edilizia" arriverebbe a escludere dalla detrazione anche i lavori di manutenzione straordinaria o ristrutturazione urbanistica.