Notizie su mercato immobiliare ed economia

La tutela dei nomi di dominio per evitare truffe

Gtres
Gtres
Autore: Redazione
Articolo scritto dall'avv. Isabella Albrizzi di UpLex

Poniamo il caso che un cliente, effettuando una richiesta di prenotazione per alloggiare in un albergo selezionato tramite sito web, non riceva alcuna risposta o che la risposta contenga un’offerta di alloggio presso altra e diversa struttura alberghiera. Consideriamo altresì che detta situazione sia dovuta ad una gestione impropria del dominio internet e del conseguente sito internet della struttura.

Succede proprio in questi giorni che taluni clienti, convinti di accedere nel sito di un noto albergo jesolano (digitando il nome della struttura) e convinti quindi di poter procedere con la relativa prenotazione in vista della prossima stagione estiva, vengano sviati in altri alberghi attraverso un semplice e facilmente replicabile raggiro.

Volendo descrivere quanto accaduto e le problematiche connesse, è necessario premettere che si parla di dominio, nome di dominio o per l’appunto domain name, con riferimento ad un nome associato al proprio sito web che permette di identificare una specifica pagina internet e, più tecnicamente, si qualifica come la traduzione di un indirizzo IP a cui corrisponde un determinato contenuto, noto come sito internet.

Evidente che la illustrata condotta genera una confusione nel settore di riferimento, con notevole pregiudizio sia del cliente che si vedrà indirizzato verso una struttura diversa da quella opzionata, sia della azienda alberghiera che si vede sottrarre in modo sleale la clientela.

Con l’evoluzione dell’era digitale, anche a seguito della nota crisi emergenziale dovuta alla pandemia, tutto ciò che riguarda il sito internet e i domini creati con un determinato nome identificativo dell’azienda, hanno acquisito ancora maggiore importanza, in parte in virtù della riconoscibilità corrispondente all’utilizzo di tali strumenti -oramai pressoché imprescindibile - in parte, anche in considerazione dell’impatto che detti canali possono avere sui potenziali clienti, che rappresentano una indefettibile risorsa per l’azienda turistica 

Sulla scorta di detta evoluzione è pertanto più che mai necessario assumere consapevolezza che il dominio possiede la qualità di elemento catalizzatore di clientela, come sa bene il navigatore che, pur non conoscendo l’indirizzo Internet di una determinata azienda, ne individua facilmente il sito digitando sulla tastiera semplicemente il nome ricercato.

Il dominio è quindi una fonte di ricchezza che deve essere tutelata, esigenza questa, che si rileva soprattutto quando le aziende sono soggette a frequenti “passaggi commerciali”.

Si pensi, all’ipotesi in cui un‘azienda alberghiera, che dispone di un sito internet appoggiato ad uno o più domini, venga riconsegnata dall’affittuario al legittimo proprietario.

In questo caso bisogna considerare che nel compendio aziendale è da ricomprendersi anche il domain name e le relative credenziali per l’utilizzo. Si configurerebbe pertanto un abuso lì dove l’affittuario, trattenendosi il nome di dominio, continuasse ad utilizzarlo generando da un lato un’indebita spendita del nome altrui e, dall’altro, una fattispecie di concorrenza sleale nel mercato di riferimento.

Spesso però la registrazione di un dominio non risulta di per sé illecita in quanto il medesimo nome di dominio può essere registrato autonomamente con diverse estensioni (.com, .it., .org., .eu, ecc.). Quello che rileva è che la registrazione di più domain name, simili o addirittura uguali, può generare la confusione dei destinatari e creare uno svantaggio economico ai danni di coloro ai quali appartiene il nome.

In quest’ottica, è quindi consigliabile, per una maggiore tutela, la registrazione di più nomi di dominio da parte del proprietario che convergano tutti nella stessa pagina web, così da contribuire alla creazione di un nome identificativo il più possibile esclusivo che non permetta registrazioni da parte di terzi che distolgono la clientela o realizzano altri comportamenti scorretti.