Notizie su mercato immobiliare ed economia

L’incredibile storia della casa “sottile” di Boston, larga appena 3,5 metri

Cabot Company
Cabot Company
Autore: Redazione

Perché costruire una casa di soli 3,5 metri di larghezza? Per mancanza di spazio? Oppure scarso budget? Nulla di tutto ciò. La nascita della storica “casa sottile” di Boston risale ai tempi della guerra civile americana: quando uno dei figli di una famiglia benestante dalla capitale dello stato del Massachusetts ha deciso di arruolarsi per combattere a fianco dell’Unione per la libertà e la fine della schiavitù. Ha servito il Paese per quattro anni e, contro ogni previsione, è sopravvissuto.

Secondo la leggenda, durante la sua assenza, il fratello, che aveva deciso di vivere comodamente lontano dalla guerra, ha deciso di costruire una casa di quattro piani su un terreno che apparteneva ad entrambi. Non si aspettava che il fratello tornasse, ma lo ha fatto.

Al suo ritorno, si è impossessato del poco terreno libero e ha costruito una casa molto stretta per bloccare l’ingresso e le finestre della casa del fratello. Così è nato uno degli edifici più rappresentativi di Boston, conosciuto anche come la “casa del risentimento”.

La casa ha una superficie di poco più di 100 m2 e si sviluppa su quattro piani, ciascuno con una funzione specifica: al piano terra si trovano la cucina e la sala da pranzo, al secondo piano c'è il salone, al terzo e al quarto piano ci sono i bagni e le camere da letto.

Lunga e stretta, la casa misura 3,5 metri nella sua parte più larga e appena 1,8 metri nella zona più stretta. Questo non ha impedito la recente vendita per ben 900.000 dollari (circa 800.000 euro).