Notizie su mercato immobiliare ed economia

Il mattone in Svezia vive la maggior flessione dei prezzi dal 2008 (ma nessuno parla di crisi)

Autore: Redazione

Il prezzo del mattone in Svezia, una delle più potenti economie europee, soffre la maggior flessione dall'inizio della crisi, con cadute trimestrali superiori al 7,5%. Nonostante ciò, il settore sembra mantenersi tranquillo grazie a un'economia in crescita, una disoccupazione in diminuzione e la capacità di risparmio delle famiglie.

La Svezia soffre ancora della maggiore decelerazione nel mercato immobiliare dal 2008, quando è scoppiata la crisi economica mondiale. Gli ultimi dati trimestrali di dicembre registrano una caduta del 7,8% rispetto al trimestre passato, la maggiore flessione degli ultimi dieci anni. Mentre in termini annuali, i prezzi sono caduti di un 2,5%, la maggiore caduta da marzo 2012.

Analisti, esperti e politici affermano che l'economia svedese è forte e non ci sono pericoli di scoppio di una nuova bolla immobiliare. L'economia svedese si espande molto più rapidamente che nel resto d'Europa, dispone di un alto livello di fiducia, disoccupazione in diminuzione e una finanza statale che sono l'invidia dell'Unione Europea. 

Secondo i dati Eurostat, la crescita del settore delle costruzioni in Svezia è la maggiore d'Europa insieme ad altri Paesi come Ungheria e Bulgaria. Gli economisti sostengono che questo settore dimostra molta forza perché la popolazione del Paese vuole comprare casa e la demografia cresce; affermano che questa correzione dei prezzi si produce per un aumento nella costruzione volta a soddisfare questo eccesso di domanda, più che per una crisi economica o finanziaria. Il livello di costruzione è il più alto dagli Anni '90.

"La Svezia può resistere a una caduta dei prezzi degli immobili" afferma Anna Breman, capo economista di Sweedbank Ab, il maggiore concessionario di mutui del Paesi.

Gli esperti sono convinti che ci sarà un'ulteriore caduta del tasso di disoccupazione, con il livello più basso dal periodo pre-crisi. I costi dei mutui sono arrivati ai minimi storici negli ultimi anni dopo che la banca centrale ha ridotto i tassi sotto zero in un intento di spingere l'inflazione. "Quelli che devono continuare a pagare le loro case potranno farlo anche se i prezzi delle case dovesse continuare a cadere" secondo Klas Danielsson, executive director di SBAB.