Notizie su mercato immobiliare ed economia

Com’è Chernobyl oggi, le foto della città a più di 30 anni dal disastro nucleare

Wikipedia
Wikipedia
Autore: Redazione

Chernobyl, ore 01:23 del 26 aprile 1986. Il reattore numero 4 della centrale nucleare V.L. Lenin esplode provocando il più grande disastro nucleare della storia. Secondo molti, oltre alle morti (ancora c’è molta differenza nelle stime secondo varie fonti), provocò anche una crepa decisiva alle fondamenta della struttura sovietica, accelerandone la caduta di lì a poco (26 dicembre 1991).

Una serie targata Hbo e trasmessa in Italia da Sky ne racconta dettagliatamente la storia. La produzione ha ricevuto recensioni entusiastiche da più parti e ha il merito di fare luce su uno degli avvenimenti più oscuri della storia recente. Ha anche la colpa (involontaria) di aver incentivato una sorta di turismo voyeuristico (su Instagram oltre all’hashtag #chernobyl si trovano anche pagine che organizzano dei veri e propri tour nei luoghi del disastro nucleare).

Questi tour, oltre che a Chernobyl, arrivano anche a Pripyat, la città inaugurata il 4 febbraio 1970, fondata appositamente per ospitare i lavoratori e i costruttori della limitrofa centrale nucleare di Chernobyl.

A Pripyat, oggi, c’è ancora vita, è abitata da animali selvatici. I livelli di radiazione si aggirano tra i 15 e i 300 microroentgen, senza superare la dose letale di oltre 300.

Fatto sta che esistono testimonianze fotografiche di fortissimo impatto che possono essere consultate anche dallo schermo di un computer, senza rischiare pericolose esposizioni alle radiazioni. Eccone alcune: