Notizie su mercato immobiliare ed economia

Affittasi letto a castello per 1200 dollari al mese, cosa sta succedendo in California?

PodShare
PodShare
Autore: Redazione

In alcune città i costi delle case sono talmente cari che le persone affittano letti a castello in una casa comune per 1.200 dollari al mese. Succede a San Francisco e Los Angeles.

PodShare sta cercando di compensare la carenza di alloggi a prezzi accessibili in città come San Francisco e Los Angeles affittando alloggi in stile dormitorio e fornendo agli inquilini un'esperienza di co-living.

Un abbonamento PodShare consente di dormire in uno qualsiasi dei 220 letti in sei località di Los Angeles e una a San Francisco. Non c'è deposito e nessun impegno. Si ottiene un letto, un armadietto, l'accesso al wi-fi e la possibilità di incontrare nuove persone nelle stanze condivise. Ogni pod include uno scaffale e un televisore personale. Sono inclusi anche alimenti di base come cereali e ramen e articoli da bagno come dentifricio e carta igienica.

PodShare
PodShare

Cosa non è incluso? La privacy. Ma questo è un compromesso facile da accettare, almeno secondo la maggior parte dei ragazzi che ci vivono. Stephen T. Johnson, 27 anni, fondatore di FlipMass (una società pubblicitaria per influencer di Instagram) dice di potersi permettere il proprio posto a San Francisco, ma non vuole essere costretto ad affittare un appartamento minuscolo e costoso.

"Avevo un micro studio che costava 1.750 dollari al mese - ha detto Johnson alla Cnn - era meno di 60 metri quadrati, questo è in realtà un lusso e costa meno del luogo in cui ho vissuto un paio di isolati di distanza in fondo alla strada".

Abita in un PodShare da cinque mesi e lo utilizza come spazio di alloggio e lavoro. “Penso che chiunque rimanga in contesti come questo è appena entrato in una nuova ottica di vivere - afferma Johnson - ci sono così tante diverse modalità di vita e penso che questa sarà solo una delle opzioni disponibili per tutti in futuro”.

PodShare
PodShare

Elvina Beck, la fondatrice di PodShare, 34 anni, ha raccontato alla Cnn di aver creato questi spazi perché era così che le sarebbe piaciuto vivere: “incontrando nuove persone e viaggiando in posti nuovi”. Ma è orgogliosa anche di fornire una soluzione sicura per chi non può permettersi altre opzioni: “Magari non possono permettersi due mesi d’affitto o non hanno una busta paga”.

Afferma che quando ha lanciato l'azienda, nel 2012, gli inquilini erano per lo più tra i 24 e i 30 anni, ma ora l'età media è aumentata. E mentre l'utente tipico è un giovane che inizia o si trasferisce in una nuova città, ci sono anche adulti che sono da poco in una nuova città e i viaggiatori d'affari.

Nel 2010, quando ha detto a suo padre che avrebbe usato i suoi risparmi per fondare PodShare, si è sentita rispondere: “Le persone non vogliono vivere con estranei, vogliono privacy, vogliono un sacco di spazio per se stessi”. Ma lei è sempre stata convinta che nelle aree urbane più desiderate, la privacy e lo spazio sono aspetti a cui le persone sono disposte a rinunciare pur di vivere in centro.

E la componente della comunità è fondamentale. “Devi essere disposto a condividere lo spazio con degli sconosciuti, altrimenti PodShare non fa per te”. E ci sono alcune regole di base: luci spente alle 10 di sera e nessun ospite è permesso. “Non puoi invitare altri amici - spiega la founder - basta conoscerne di nuovi qui”.