Notizie su mercato immobiliare ed economia

Google realizzerà 24.000 case industrializzate a prezzi accessibili nella Silicon Valley

La soluzione di Google al problema abitativo che affligge una delle aree più "tecnologiche" del mondo

Google
Google
Autore: Redazione

Google trova una soluzione al problema abitativo che affligge una delle aree più "tecnologiche" del mondo. Il gigante tecnologico americano si è impegnato un anno fa a spendere 1 miliardo dollari per realizzare 5.000 case a prezzi accessibili nella Silicon Valley. Ora Google ha rivisto il suo piano e ha valutato che, se si basa sulla costruzione di case modulari, il numero delle abitazioni potrebbe salire a 24.000 nel prossimo decennio.

Google si è già messo al lavoro e ha stanziato i suoi primi 250 milioni di dollari. Ha anche donato altri 50 milioni di dollari per trovare soluzioni ai senzatetto della zona attraverso la sua organizzazione Google.org.

Secondo gli ultimi rapporti pubblicati, la Baia di San Francisco avrebbe dovuto ricevere 700.000 case in più rispetto a quelle costruite negli ultimi anni per stare al passo con la domanda. Ed entro il 2070 dovrebbero essere costruire oltre 2,2 milioni di case.

Ad oggi Google non sta spingendo per cambiamenti nella politica centrale, ma si sta concentrando sulla collaborazione con le comunità per costruire il proprio parco di appartamenti a prezzi accessibili. Ma il processo è lento. Google ha un progetto a Mountain View e sta lavorando a un piano generale per lo sviluppo della città e un altro a San José, dove la società ha presentato un piano per uno sviluppo a uso misto che la città voterà la prossima primavera.

Google ha anche investito in Factory OS, una startup che riduce i costi di costruzione realizzando appartamenti di fabbrica. Questo farà sì che il denaro di Google si possa diffondere ulteriormente in California, dove costruire nuove case costa molto (un singolo appartamento economico, non un edificio, può costare fino a 750.000 dollari a San Francisco con le costruzioni tradizionali).

Google sta facendo un ottimo lavoro per intervenire sulla domanda di alloggi nella zona più tecnologica di San Francisco, ma non è l'unica azienda impegnata nella causa. Apple ha stanziato 2,5 miliardi di dollari per realizzare case a prezzi accessibili; Facebook 1 miliardo di dollari e Microsoft 500 milioni di dollari.