Notizie su mercato immobiliare ed economia

I newyorkesi lasciano Manhattan per fronteggiare la pandemia: le vendite di case calano del 60% a luglio

Gtres
Gtres
Autore: Redazione

Il mercato delle case in vendita si è ripreso in tutte le zone di New York lo scorso luglio, ad eccezione di Manhattan. Le restrizioni relative alle visite delle case per l'acquisto sono proseguite per oltre un mese, ma ora con le operazioni aumentate in tutta la periferia, compresa Brooklyn, gli acquirenti chiedono sconti fino al 20% per acquistare un appartamento a Manhattan.

L'emergenza coronavirus sta cambiando l'interesse dei newyorkesi per l'acquisto di case. Nell'ultimo mese, le preferenze sono state per le zone della periferia della città. Le compravendite hanno segnato una ripresa per la prima volta da mesi dopo che il governo dello Stato di New York ha revocato i divieti durante il blocco, tra cui la possibilità di visitare le case in vendita. Ripresa che ha interessato tutte le zone della periferia della città, tranne Manhattan. Anche Brooklyn ha visto aumentare le operazioni, diventando l'alternativa principale per molti acquirenti.

Le vendite di case cooperative di Manhattan e appartamenti condominiali sono diminuite di quasi il 60% rispetto a un anno prima, secondo un rapporto del perito Miller Samuel e dell'agente immobiliare Douglas Elliman Real Estate.

Migliaia di residenti e potenziali acquirenti a Manhattan ora preferiscono trasferirsi in zone residenziali suburbane per fronteggiare meglio la pandemia, prediligendo magari un piccolo cortile. "I restanti potenziali acquirenti chiedono sconti maggiori", secondo Steven James, ceo di Douglas Elliman a New York. "Domandano uno sconto dal 10% al 20%. Non lo ottengono, ma è quello che chiedono".

Il prezzo medio delle case a Manhattan è di circa un milione di dollari. Le vendite in questa fascia di prezzo sono diminuite del 64%. Ma anche le proprietà più economiche a Manhattan, tra 500.000 e 999.000 dollari, sono diminuite del 47%. E i grandi affari, dal valore di più di 20 milioni di dollari, sono scomparsi dal mercato a luglio.

Ma nelle zone periferiche le vendite stanno aumentando. I pre-contratti per case unifamiliari sono più che raddoppiati a Westchester. A Long Island, esclusi Hamptons e North Fork, i contratti sono aumentati del 41% con oltre 3.500 firme. Brooklyn è di particolare interesse, essendo il più vicino a Manhattan. Qui i contratti sono aumentati del 29% a luglio.
Gli esperti ritengono che i venditori di Manhattan stiano aspettando un momento migliore. A luglio, più di 880 proprietà in vendita sono state tolte dal mercato, secondo un rapporto di UrbanDigs, più della metà nell'ultima settimana.