Notizie su mercato immobiliare ed economia

Le case di lusso in campagna sono un nuovo trend immobiliare nel Regno Unito

Gtres
Gtres
Autore: Redazione

L’effetto covid sta dando nuovo vigore al mercato delle case di lusso in campagna nel Regno Unito. I dati registrati negli ultimi mesi, infatti, stanno facendo registrare una nuova tendenza nelle scelte abitative degli acquirenti alto spendenti britannici.

Si tratta di una vera e propria inversione di tendenza, visto che nemmeno un anno fa gli alti costi di mantenimento, le tasse salate e la crescente incertezza dovuta alla Brexit avevano fatto perdere sempre più appeal alle case di campagna nel Regno Unito. Ma il cambiamento di scenario dovuto alla pandemia e al rischio di lockdown sta rendendo sempre più appetibile il “verde” anche in Gran Bretagna.

Questo specifico segmento di mercato aveva raggiunto il picco tra il 2007 e l'inizio del 2008. Mentre lo scorso anno, secondo i dati di Savills, solo una proprietà nella campagna britannica era stata venduta per più di 15 milioni di sterline (e l'anno precedente per 5 milioni di sterline). Ma lo scenario sta cambiando rapidamente, visto che ben 19 tenute di campagna nel Regno Unito sono state vendute e offerte per oltre 15 milioni di sterline nel 2020, sempre secondo Savills.

Nel terzo trimestre 2019, secondo un rapporto di Knight Frank, questo segmento di mercato aveva registrato più di cinque trimestri consecutivi con i prezzi in calo calo. Il tanto citato “effetto covid” ha dato una scossa. Tanto che, dal 13 maggio al 24 giugno, il numero di offerte accettate per case di campagna da 5 e 10 milioni di sterline è stato superiore del 182% alla media quinquennale. Non solo, tutte le fasce di prezzo nel periodo sono state superiori del 64% rispetto alla media quinquennale registrata fino a quel momento.

Sostanzialmente, il mercato di quelle che prima venivano considerate “seconde case” (per di più di lusso) si sta trasformando in un nuovo mercato di prime case di lusso, che rispondono già a tutte le esigenze e le priorità abitative della “nuova normalità” imposta dalla pandemia.