Notizie su mercato immobiliare ed economia

Mercato immobiliare Usa, cresce l'offerta di case nell'estate 2021

Gtres
Gtres
Autore: Redazione

Cresce l’offerta delle case in Usa: a luglio, secondo il report di RE/MAX, le abitazioni sul mercato sono salite del 4% rispetto a luglio, segnando i primi due mesi di aumenti consecutivi. Cala allo stesso tempo il tempo sul mercato, sceso al minimo di 1,3 mesi. Le vendite di case sono state le terze complessivamente più alte nei 13 anni di storia del report, pur essendo scese dell'8,4% rispetto a giugno. Il prezzo mediano di 331.000 dollari ha subito un calo dell'1,2% rispetto al prezzo record di 335.000 dollari raggiunto a giugno.

Essendo i confronti anno su anno sfalsati dalla pandemia, le medie registrate nei mesi di giugno-luglio negli anni 2015-2019 rispecchiano più fedelmente gli andamenti tipici di metà estate: A luglio, il calo mese su mese dell'1,2% del prezzo medio di vendita è stato inferiore alla media giugno-luglio del 2,2% registrata nel periodo 2015-2019. Rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente, il prezzo medio di vendita è salito del 16,2%.

L'aumento mese su mese del 4,0% nell'offerta è atipico per questa stagione – e molto lontano dal calo medio dell’1,6% riscontrato in giugno-luglio negli anni 2015-2019. Pur avendo segnato il secondo mese di crescita consecutiva (giugno aveva guadagnato l'1,9% su maggio), l'offerta ha registrato una contrazione del 29,7% rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente.

Terzo totale più alto nei 13 anni di storia del report, a luglio 2021 le vendite di case sono scese dell'8,4% – ricalcando quasi alla lettera il calo medio dell'8,2% nel periodo 2015-2019. Rispetto allo stesso mese dell'anno precedente, le vendite sono scese del 3,1%. Gli unici mesi con vendite superiori a quelle di luglio 2021 sono stati giugno 2021 e luglio 2020.

A luglio, i giorni di media sul mercato (23) sono stati 1 in meno rispetto a giugno e 21 in meno dello stesso mese dello scorso anno. A luglio di quest'anno, l'andamento di vendita media mensile è stato identico a quello di giugno 2021, ma notevolmente inferiore a quello di luglio 2020.