Notizie su mercato immobiliare ed economia

Balconi prefabbricati: la soluzione alla mancanza di spazi aperti delle case senza terrazza

Autore: Lucía Martín (collaboratore di idealista news)

C'è stato un tempo in cui si costruivano appartamenti con terrazzo o balcone: quasi tutte le case, nei quartieri alla moda o in periferia, avevano il terrazzo. In seguito, molti proprietari, per guadagnare qualche metro in più decisero di chiudere molti di quei terrazzi e aggiungere metri alla superficie del loro soggiorno: così possiamo vedere, su molte facciate, molti terrazzi inglobati nel soggiorno. Nello stesso edificio potevano coesistere terrazze chiuse con altre aperte, il tótum revolutum dell'architettura.

Fino allo scoppio della pandemia da coronavirus che ha segnato un prima e un dopo. Tutto indica che, nel presente o in un futuro molto prossimo, le terrazze verrano viste come un spazio indispensabile per le case. Non a caso negli ultimi tempi è cresciuto l'interesse di acquirenti e inquilini per una casa con uno spazio aperto

Le nuove costruzioni terranno sicuramente conto di queste esigenze degli acquirenti di uno spazio aperto, ma per quanto riguarda gli edifici più vecchi? Non esiste una soluzione che permetta di aggiungere un balcone a queste case? L'architetto spagnolo Luis Quintano crede che ci sia, infatti è l'ideologo di un prototipo di terrazza prefabbricata chiamato STAYHÖME.

 

Luis Quintano
Luis Quintano

Secondo l'architetto molte persone hanno mostrato interesse per la sua idea, ma al momento non ha firmato nessun accordo: “Sono in trattative con diverse imprese di costruzione, ma non c'è nulla di definitivo al riguardo. Sono fiducioso che in futuro si possa trovare un modo per realizzarlo”.

Quintano sostiene che, così come prima non immaginavano ascensori incorporati nelle facciate (e ora è comune vederli), forse in futuro accadrà lo stesso con questo tipo di balconi. Ovviamente non potrebbero essere collocati in qualsiasi tipologia di edificio: “Le facciate in genere non sono portanti, quindi non sarebbe possibile appendere le strutture ai balconi fissandole solo, ma dovranno essere realizzati i necessari rinforzi strutturali esterni alla facciata o all'interno delle case, per trasmettere correttamente i carichi. Allo stesso modo, la struttura e le fondamente dell'edificio devono essere studiate attentamente".

Ad Amsterdam esistono già alcuni edifici con finestre che si trasformano in balconi, del marchio Bloomframe e disponibili in tre dimensioni.

Philippe Ruault|Lacaton Vassal
Philippe Ruault|Lacaton Vassal

Non ci sono soluzioni simili nel mercato? “Non conosco altre aziende che hanno realizzato. A livello contemporaneo c'è un meraviglioso esempio degli architetti Lacaton e Vassal. Insieme all'amministrazione, hanno realizzato la riforma di 530 alloggi collettivi a Bordeaux, aggiungendo un volume annesso di 4 metri davanti alla facciata che ha creato uno spazio intermedio interno-esterno, migliorando anche le prestazioni energetiche dell'edificio”, conclude il esperto.