Notizie su mercato immobiliare ed economia

Il mattone riparte dal non residenziale: nei primi mesi del 2014 cambio di rotta per negozi e capannoni, +20% il leasing (scarica pdf)

Autore: Redazione

Nonostante il 2013 si sia chiuso con un segno negativo (-9,3% rispetto allo scorso anno), per il comparto non residenziale il 2014 si è aperto con un cambio di rotta e una ripresa delle compravendite. A dirlo è il rapporto sugli immobili a destinazione terziaria, commerciale e produttiva presentato dall'agenzia delle entrate e da assilea

Il 2013 ha registrato un calo delle compravendite di negozi, uffici e capannoni pari al 9,3%, con una perdita di fatturato di 2,4 miliardi. Nonostante ciò, i dati relativi ai primi mesi del 2014 registrano un'inversione di rotta. "Nel primo trimestre del 2014, ha detto il direttore dell'osservatorio delle entrate gianni guerriri- "registriamo una ripresa delle compravendite del 4,7% di negozi, +1,6% nei capoluoghi, un -0,8% per i capannoni, che segna un sostanziale pareggio dopo anni di flessioni"

Il rapporto 2014

Uffici- per quanto riguarda il comparto degli uffici, il 2013 ha segnato una diminuzione delle compravendite di uffici e estudi privati del 10,8% rispetto al 2012. Le uniche regioni che registrano un'inversione di tendenza sono la Toscana (+8,5%) e Piemonte (+0,6%)

Capannoni: passa sal -20% del 2012 al -7,7% del 2913 il calo delle compravendite di capannoni. In terreno positivo le transazioni in Sardegna (+20,5%), la Toscana (+13,3%) e il Lazio (+6,1%). Per comprare un capannone si spendono in media 527 euro al m2, in diminuzione del 2,3% rispetto al 2012

Negozi: il calo è analogo a quello registrato in tutto il settore (-9,3%) il panorama nazionale è abbastanza variegato, con flessioni importanti per i negozi del  nord-ovest (-12,5%), del sud (-10,8%) e delle isole (-12,5%), mentre reggono meglio nord-est (-5,4%) e il centro (-5,2%)

Leasing immobiliare

Buone notizie dal fronte del leasing immobiliare. Nei primi quattro mesi del 2014 ha aumentato i propri volumi di oltre 1/5 rispetto al 2013, per un miliardo di nuovi investimenti e 1076 nuovi contratti. Una ripresa da imputare, secondo assilea, anche "al più favorevole inquadramento fiscale e all'apertura del comparto ai professionisti per il finanziamento di immobili"

PDF icon nonresidenziale.pdf