Notizie su mercato immobiliare ed economia

Ecco cosa fare prima di aprire un cantiere

Autore: Redazione

Nonostante lo snellimento delle pratiche per effettuare lavori in casa, sono ancora diverse le procedure burocratiche da affrontare per poter aprire un cantiere. I permessi da chiedere sono otto in totale e vanno da quelli per le opere minori a quelli per vere e proprie opere edilizie

1) interventi liberi (articolo 6, comma 1, Dpr 380/2001, come modificato dalla legge 73/2010, che ha convertito il Dl 40/2010)

2) comunicazione di inizio lavori (comma 2 dello stesso articolo, modificato dalla stessa legge);

3) comunicazione inizio lavori con relazione tecnica asseverata (comma 4, dello stesso articolo, modificato dalla stessa legge)

4) scia, segnalazione certificata di inizio attività (articolo 19 della legge 241/1990, come modificato dalla legge 122/2010, che ha convertito il Dl 78/2010)

5) dia, denuncia di inizio attività (articolo 22, commi 1 e 2, del Dpr 380/2001)

6) cosiddetta super-Dia (comma 3 dello stesso articolo)

7) permesso di costruire (articolo 10 del Dpr 380/2001)

8) permesso di costruire gratuito (articolo 22, comma 7, del Dpr 380/2001)

Per quanto riguarda le procedure, invece, queste cambiano a secondo dell'immobile interessato dai lavori:

Che non sia vincolato

Sia vincolato e oggetto di interventi di lieve entità (serve l'autorizzazione paesaggistica semplificata del Dpr 139/2010)

Sia vincolato e oggetto di interventi non di lieve entità (serve l'autorizzazione paesaggistica ordinaria ai sensi del Dlgs 42/2004)