Notizie su mercato immobiliare ed economia

Condono, patrimoniale o fondo immobiliare: chi la spunterà?

Autore: Redazione

Entro il 20 ottobre dovrà essere pronto il decreto sviluppo per dare una spinta alla crescita dell'economia, a rischio recessione. I tempi stringono e i tre candidati a fare cassa, condono, patrimonilare o fondo immobiliare, coi loro rispettivi padrini, sono giunti al duello finale

Vediamo nel dettaglio di cosa si tratta. Il tre ministri renato brunetta, Paolo romani e altero mattioli sono i tre incaricati della stesura del decreto sviluppo. Il presidente berlusconi ci tiene che siano tre suoi fedelissimi, e non tremonti, ad occuparsene. Pare in ogni caso che il ministro dell'economia se la stia ridendo, perché alla fine bisognerà fare comunque come dice lui

Condono. Voluto da parte della maggioranza, con fabrizio cicchitto in testa, che lo vorrebbe tombale ed edilizio, non piace a tremonti ed inoltre pare che non possa rientrare nel ddl per un'altra ragione: l'unione europea accetta misure di questo tipo solo per abbattere il debito pubblico e non per rilanciare la crescita

Patrimoniale: berlusconi si oppone decisamente, anche perché, per funzionare, dovrebbe colpire gli immobili a partire dai 500mila euro

Fondo immobiliare: è l'idea di tremonti che alla fine potrebbe avere ragione e umiliare così il resto della maggioranza che in questo momento vuole fare senza di lui. Si tratta di creare un fondo per la dismissione del patrimonio immobiliare dello stato, che collocherebbe gli immobili sul mercato. Per questo im tecnici del tesoro stanno individuano gli immobili immediatamente vendibili, che pottrebbero rendere circa 8-9 miliarid all'anno, una vera manna per lo sviluppo

Da qui al 20 ottobre vedremo chi la spunterà

Notizie relazionate:

Chicchitto insiste sul condono e dà a tremonti del savonarola

Articolo visto su
(idealista.it/news)