Notizie su mercato immobiliare ed economia

Il progamma monti: rigore, crescita, equità e "nessun potere forte" (video)

Autore: Redazione

Il premier mario monti ha tenuto il suo primo discorso davanti alle camere per chiedere la fiducia, che il parlamento gli ha accordato con 281 sì, 25 no e nessun astenuto. Parla d'europa, di crescita, di equità sociale. "L'europa siamo noi" dice, "non c'è nessuna imposizione dall'alto, gli italiani già sapevano cosa devono fare per crescere" ha aggiunto monti, fiducioso che sia la politica a tornare ad essere forte e a ad essere riconosciuta come motore dello sviluppo. Le tre ricette: rigore di bilancio, crescita ed equità. Ecco il programma del governo punto per punto

Rivedi il discorso

Pensioni: contributivo e anzianità tra le linee guida. Secondo la ministra del lavoro, elsa fornero, "il nostro sistema pensionistico mantiene delle aree di privilegio". Per questo c'è bisogno di una riforma del sistema pensionistico previdenziale, che sarà comunque discusso con le parti sociali. In particolare la riforma prevede: gruaduale superamento del metodo contributivo per tutte le pensioni, graduale superamento di pensionamenti di anzianità magari con l'adozioni di un sistema flessibile di uscite (con una forbice tra 62-67 anni o a un meccanismo di incentivi-disincentivi), eliminazione delle aree di privilegio, come quelle riservate ai fondi speciali. Anche gli enti previdenziali saranno riorganizzati con la nascita del super-inps

Liberalizzazioni: una ricetta in cinque punti. Ridurre il carico di oneri per le procedure amministrative, riordino delle professioni regolamentate attuanto quanto previsto nelle legge di stabilità, a partire dall'abolizione delle tariffe minime, rafforzare i poteri dell'antitrust, completare la deregulation dei servizi pubblici locali, ridurre i tempi della giustizia. Per quanto riguarda le imprese, invece, monti pensa alla rimozione degli ostacoli alla crescita dimensionale delle aziende (anche attraverso la delega fiscale) e di interventi per facilitare nel lavoro i giovani anche con la nascità di nuove attività imprenditoriali

Occupazione: riforma degli ammortizzatori sociali e superamento del dualismo del mercato del lavoro. Il programma per il lavoro prevede di aumentare l'inclusione delle donne e dei giovani, due categorie di lavoratori su cui il presidente del consiglio ha puntato molto al senato. "Occorre superare il dualismo tra coloro che godono di un eccesso di tutele e la mancanza di tutele per altri". Due le linee di azione. Riforma degli ammortizzatori sociali affinchè le famiglie non siano prese dall'angoscia di fronte alle conseguenze della crisi. D'altro canto monti vuole superare la polarizzazione delle garanzie tra contratto a termine e contratto a tempo indeterminato. La nuova regolamentazione vale per i contratti futuri

Fisco: più tasse su consumi e patrimoni, meno su lavoratori ed imprese. Rivedere il prelievo sugli immobili con la reintroduzione dell'ici sulla prima casa. Lotta all'evasione con cui si potrà aumentare il gettito e ridurre in un secondo momento le aliquote. Monitoraggio delle ricchezze accumulate e non più solo i redditi. Aumento dell'iva e patrimoniale sulle grandi ricchezze ma solo con l'attuazione della riforma fiscale oggi all'esame delle camere. La lotta all'evasione invece passa per l'abbassamento della soglia per l'uso del contante e una spinta all'uso della moneta elettronica

Federalismo: per ora, a parte l'ici sulla prima casa, che dovrebbe rimpinguare le casse degli enti locali, il resto del testo del federalismo è in ombra. A partire dalla complessa architettura messa in campo dalla legge delega e dagli otto decreti già emanati. Il calendario attuativo punto al 2013: superata la stretta emergenza delle prime settimane, se il governo monti non avrà problemi a proseguire, se ne parlerà nella seconda fase delle riforme

Infrastrutture: incentivare i capitali ai privati. L'obiettivo del ministro corrispondente, corrado passera, è quello di incentivare i capitali privati ad intervenire nel finanziamento delle opere grandi e piccole, incentivando la partecipazione privata con sgravi fiscali ires e irap, riducendo i rischi legati ai procedimenti amministrativi

Scuola e università: test invalsi e interventi mirati. Il governo vuole scommettere sulla valorizzazione del capitale umano attraverso l'accrescimento dei livelli di istruzione della forza lavoro, ancora troppo bassi, anche tra i più giovani. Monti intende varare interventi mirati sulle scuole, tenendo conto delle differenti performance delle aree geografiche allo scopo di colmare il gap. Test invalsi e revisione del sistema di selezione, distribuzione e valorizzazione degli insegnanti. Per l'università monti intende completare in modo rapido l'attuazione della riforma gelmini, attivando poi i meccanismi di valutazione del sistema

Monti ha inaugurato il suo incarico "con la fiducia che la politica che voi rappresentate sia di nuovo riconosciuta come il motore dello sviluppo attuale" dichiara davanti ai politici. "L'europa sta vivendo un momento difficile, il progetto che tra gli scrisse anche alcide de gasperi che abbiamo perseguito passo dopo passo dal trattato di Roma in poi è sottoposta a pressioni difficili, ma un fallimento farebbe venire meno la possibilità di un mondo equilibrato"

"Il progetto europeo non resterebbe in piedi senza l'euro, ma torneremmo agli anni '50. Solo se riusciremo ad evitare che qualcuno ci consideri l'anello debole dell'europa potremmo ricominciare a contribuire a migliorare un progetto così importante e lo lasceremmo nelle mani di paesi che difendono anche i loro interessi nazionali. Il progetto europeo dipenderà anche da cosa farà l'Italia nelle prossime settimane"

Il nostro debito è il terzo più elevato dell'ocse. La ricetta deve essere: rigore di bilancio, crescita, equità

Monti parla delle misure contro la disoccupazione: "negli ultimi anni l'Italia ha alzato le tasse sul lavoro dipendente. Dobbiamo porci obiettivi forti sul rigore dei conti, ma dobbiamo ricominciare a crescere"

"Non c'è nessuna originalità nelle linee europe indicate per la crescita, non vediamo i vincoli europei come imposizioni, non c'è un noi e un loro, l'europa siamo noi, gli italiani già sapevano cosa bisogna fare per crescere, bisogna mettere in atto queste scelte"

"I provvedimenti servono a rendere meno ingessata l'economia, favorire l'ingresso nel mondo del lavoro dei giovani e delle donne: le due grandi risorse sprecate del nostro paese"

Lancia la questione settentrionale il presidente del consiglio, che richiede l'impegno di tutte le sedi istituzionali. E poi entra nello specifico del suo programma composto da due parti: provvedimenti per l'emergenza, sostenibilità della finanza pubblica, fiducia

"Bosogna cambiare un mercato del lavoro duale - spiega monti - tra coloro che sono tutelati e chi non ha nessuna tutela". La priorità d'azione del nostro governo è il lavoro per i giovani eliminando tutti i vincoli che impediscono ai giovani di trovare un loro posto in base al proprio metito, a prescindere dalle possibilità e provenienza sociale"

L'Italia secondo monti deve puntare e sentirsi orgogliosa dei propri talenti, puntando sul capitale umano per l'accrescimento del livello di istruzione della forza lavoro, anche per questo è necessaria una revisione del sistema di selezione e allocazione degli insegnanti"

Segui i commenti su twitter