Notizie su mercato immobiliare ed economia

Roma, canoni ancora giù nel primo semestre 2013

Autore: Redazione

Dopo la contrazione del 2,1% registrata nella prima parte del 2013, i prezzi delle locazioni nella capitale proseguono il loro trend negativo. Ora il canone medio cittadino scende abbondantemente sotto i 14 euro al metro quadro

A rivelarlo è l’ufficio studi del portale sulla base dati di 4.496 annunci, che compongono l’offerta di case disponibili in locazione nel periodo gennaio-luglio, mostra però anche una tendenza al rallentamento nella discesa dei valori

La tendenza all’omologazione dei canoni nei quartieri all’interno del raccordo rendono la vita difficile ai proprietari di case nei quartieri peggio collegati, si spiega così il primato negativo di Arvalia Portuense (6,8%; 12 euro/m²) e Cassia-Flaminia (6,4%; 12,8 euro/m²) che soffrono la concorrenza di altre aree meglio servite dai mezzi di trasporto

Il centro storico (-4,9%; 19,4 euro/m²) prosegue in caduta libera, anche se rimane il quartiere con i prezzi più alti a livello cittadino, così Cinecittà (-4,9%; 11,7 euro/m²) ed Eur-Torrino-Cecchignola (-4%; 12,2 euro/m²) che hanno accelerato a ribasso

Anche in questo semestre si segnalano notevoli revisioni verso il basso nel quartiere Monte Verde (-3,8%; 13,3 euro/m²) che diviene il più svalutato nell’anno solare. Un crollo a due cifre dovuto al boom dell’offerta alimentata da un ceto medio che trova difficoltà sia a vendere che a sostenere i costi di seconde e terze case

Sotto la media dei ribassi cittadini si situano 10 quartieri della capitale, da Roma Est-Autostrade (-2,6%), con i suoi 10,3 euro al metro quadro che ne fanno l’area più economica della citt,à ai decrementi di minore entità di Aurelia (-0,9%; 13,3 euro/m²) che, pur non invertendo la rotta, sembra avere frenato la discesa libera dei valori registratisi lo scorso anno

Chi sembra avere invertito la rotta, dopo una serie di ribassi, è il lussuoso quartiere Prati (0,6%; 17,5 euro/m²) approdo per dirigenti dirigenti e liberi professionisti evidentemente più disponibili a sobbarcarsi i canoni di locazione tra i più elevati della città