Notizie su mercato immobiliare ed economia

Il franco svizzero si è sganciato dall'euro..quali saranno gli effetti sul mattone?

Gtres
Gtres
Autore: Redazione

La decisione della banca nazionale svizzera di sganciare il franco svizzero dall'euro ha avuto i suoi effetti anche sul mattone, a partire proprio da quello del paese elvetico. Se dal 2000 ad oggi i prezzi del residenziale nelle grandi città, come Ginevra e Zurigo, senza escludere centri più piccole come Lugano, sono saliti del 70%, oggi a chi vive in un paese dell'eurozona comprare una casa qui costa più o meno il 17% in più

C'è un altro effetto che deriva dall'apprezzamento del franco svizzero, ovvero l'incremento del potere di acquisto dei cittadini svizzeri o di chi lavora in svizzera. Questo vuol dire che il mercato immobiliare londinese, noto per i suoi eccessi, potrebbe diventare meta ambita per chi paga in franchi. Come sottolineato da casa24 del sole 24 ore, un appartamento da un milione di sterline costa oggi circa 1,3 milioni di franchi, mentre un anno fa costava circa 1,6 milioni di franchi

Ma non finisce qui. Con l'indebolimento dell'euro, infatti, potrebbe cambiare anche il trend di acquisti da parte degli italiani negli stati uniti. Certo, molto dipenderà dai clienti. Questo vuol dire che i più danarosi non si faranno intimorire da un euro debole, ma di certo per un appartamento a New York sarà necessario sborsare una cifra maggiore

C'è poi un riflesso sugli oligarchi russi. La svalutazione del rublo e l'apprezzamento del franco, infatti, rendono meno conveniente il mattone svizzero per questo target di riferimento. Tra i russi - ma anche tra i cinesi e i mediorientali - il mutuo in franchi è stato largamente utilizzato da chi ha deciso di comprare casa in svizzera. Questo vuol dire che, in seguito ai recenti eventi, chi ha deciso di sfruttare questo tipo di prestiti adesso si trova a dover pagare rate più elevate. Bisogna tuttavia sottolineare che parliamo di oligarchi, quindi di persone che probabilmente non si sono fatte spaventare dalla rivalutazione del franco svizzero