Notizie su mercato immobiliare ed economia

Assoimmobiliare: "Il mattone verso la normalizzazione, ma servono nuovi stimoli"

Autore: Redazione

Il convegno "Re Meeting" organizzato da Assoimmobiliare, che ha visto la partecipazione di esponenti del settore e della classe politica, è stata l'occasione per discutere sullo stato dell'arte del mattone. Un comparto dove, secondo il presidente dell'Associazione, Aldo Mazzocco: "Ci sono segnali di normalizzazione, ma servono anche degli stimoli nuovi".

Nel settore immobiliare, ha detto Mazzocco, "stanno entrando in campo alcune cose nuove, ci sono segnali di normalizzazione in alcune aree geografiche e settori, ma esclusa Milano che ormai ha staccato il resto del Paese, il resto delle zone ha bisogno ancora di stimoli". L'interesse per il settore immobiliare ed edilizio "sta tornando in una concezione un po’ classica, keynesiana, grazie anche allo sforzo fatto con i costruttori".

Investitori raffreddati dopo il referendum

Un altro tema contingente, ha proseguito il numero dell'associazione: "E' quello del raffreddamento degli investitori stranieri dopo il referendum, si sono ritirati quelli che dovrebbero entrare sui progetti a lungo termine, proprio quelli che ci servono per far riprendere il ciclo. Anche per questo, serve una mano pubblica forte che rimetta in moto i processi e poi si ritiri man mano che arrivano i privati".