Notizie su mercato immobiliare ed economia

Qual è il budget medio a disposizione degli italiani per comprare casa

Gtres
Gtres
Autore: Redazione

Per misurare l’impatto della pandemia sul settore immobiliare, l’Ufficio Studi del Gruppo Tecnocasa ha confezionato un report per analizzare la disponibilità di spesa per l’acquisto di una casa da parte degli italiani a gennaio 2021. Vediamo quali sono stati i risultati.

Lo studio rivela i primi segnali secondo cui l’effetto della pandemia inizia a pesare sulla capacità di spesa. Secondo quanto emerso dal report di Tecnocasa, infatti, si registra una maggiore prudenza e, nonostante il desiderio di acquistare la casa sia sempre vivo, si messa in evidenza una crescita della percentuale di chi vuole destinare a questo acquisto un budget più limitato rispetto al recente passato.

Non è un caso neanche che, lo studio del Gruppo Tencocasa, abbia rilevato che la maggiore concentrazione della disponibilità di spesa si concentri ancora nella fascia più bassa, ovvero quella con un budget fino a 119mila euro (che rappresenta il 26,3% del totale degli acquirenti). Segue con il 23,1% la fascia tra 120 e 169mila euro, mentre si attesta al il 22,0% la fascia con disponibilità di spesa compresa tra 170 a 249mila euro.

Ufficio Studi Gruppo Tecnocasa
Ufficio Studi Gruppo Tecnocasa
Concentrando l’attenzione sulle grandi città, il dato principale che emerge è che Roma e Milano fanno un po’ storia a sé, rispetto alla medie che si riscontra nel resto d’Italia. Nei due principali capoluoghi italiani, infatti, la maggior parte delle richieste riguarda immobili dal valore compreso tra 250 e 349mila, che rappresentano il 24,4% della richiesta per Roma e il 25,3% per Milano.

Firenze si distingue per una maggiore concentrazione nella fascia compresa tra 170 e 249mila euro, pari al 35,1%. A Bologna e Verona, invece, la fascia di spesa più rappresentata è quella compresa tra 120 e 169mila euro, rispettivamente con il 30,8% e 31,7%. Nelle altre grandi città, Bari, Genova, Napoli, Palermo e Torino la disponibilità di spesa resta concentrata nella fascia di spesa inferiore a 120mila.