Notizie su mercato immobiliare ed economia

Roma, i numeri della crescita del mercato degli uffici

Autore: Redazione

Per il quinto anno consecutivo continua la crescita dei volumi transati nella Capitale, a conferma di una ritrovata vivacità del mercato terziario degli uffici.

A rivelarlo è il report del Gruppo IPI sul mercato immobiliare degli uffici a Roma. Secondo l’analisi, infatti, il quarto trimestre del 2018 si è chiuso con un assorbimento di poco inferiore ai 60.000 mq, per un totale di 178.400 mq da inizio anno (+17% rispetto alla media degli ultimi 5 anni).

Si tratta quindi di un risultato che evidenzia la crescita del mercato romano, tenendo presente che il 2017 aveva registrato la transazione atipica di 43.000 mq. Nel corso del 2018 è stato ancora una volta il quartiere dell’EUR il sottomercato più dinamico per volumi transati, seguito dal CBD e dalla periferia.

Nel corso dell’ultimo trimestre 2018 si sono registrate 37 transazioni, confermando il trend dei precedenti trimestri di un mercato che, dal punto di vista dimensionale, è ancora fortemente polarizzato da transazioni al di sotto dei 1.000 mq: solo 11 transazioni infatti hanno riguardato immobili superiori ai 1.000 mq.

I canoni prime nel CBD sono rilevati in aumento mentre risultano stabili negli altri sottomercati. Una conferma della solidità del trend positivo deriva anche dalla lettura dei principali indicatori, quali il vacancy rate e il prime yield, che si mantengono stabili e in linea con i periodi precedenti.

Nel corso dell’anno il volume degli investimenti a Roma ha superato i 2 miliardi di euro con una buona performance che ha riguardato il comparto uffici (55% degli investimenti complessivi), tra cui l’investimento più rilevante del 2018 (il passaggio di due trophy asset in piazza Agricoltura e in via Lombardia). L’outlook per i prossimi sei mesi si conferma in lieve ripresa, soprattutto per il segmento prime.