Notizie su mercato immobiliare ed economia

Locazioni residenziali, da dove arrivano gli inquilini delle grandi città

Gtres
Gtres
Autore: Redazione

Da dove arrivano gli inquilini delle case italiane in locazione? Tecnocasa ha analizzato i flussi migratori delle grandi città nel primo semestre 2019.

Per ogni grande città si è calcolata la percentuale di inquilini già residenti in città, la percentuale di persone che hanno affittato in città arrivando dall’hinterland e la percentuale di coloro in arrivo da altre province italiane.  L’analisi ha messo in evidenza che Milano e Torino sono le metropoli con le percentuali più alte di locazioni da parte di persone in arrivo da altre province. Anche nel 2018 la stessa analisi aveva determinato Milano come la città con il più alto afflusso di inquilini in arrivo da altre province italiane.

Tecnocasa
Tecnocasa

 

 

In particolare a Milano si registra il 67,4% di affitti da parte di residenti, il 28,1% di affitti da parte di persone in arrivo dalle diverse province e il 4,5% in arrivo dall’hinterland. Nel capoluogo lombardo, infatti, prevale nettamente la presenza di lavoratori trasfertisti, la città si conferma come il principale polo attrattivo per quanto riguarda il lavoro. Rispetto al primo semestre del 2018 si registra un lieve aumento della percentuale di inquilini già residenti in città, si passa infatti dal 64,1% all’attuale 67,4%, mentre si evidenzia una leggera contrazione della percentuale di inquilini in arrivo da altre province, dal 30,8% si passa al 28,1%.  

Anche Torino evidenzia alte percentuali di inquilini in arrivo da fuori città: il 59,6% delle locazioni riguarda persone già residenti a Torino, il 23,0% degli affitti è stato concluso da soggetti in arrivo da altre province e il 17,4% arrivano dall’hinterland. Anche a Torino sono lavoratori fuori sede e studenti universitari a determinare una buona presenza di inquilini in arrivo da altre province. Rispetto al primo semestre del 2018 si evidenzia un aumento della percentuale di inquilini in arrivo dalla provincia di Torino, si passa infatti dal 9,4% all’attuale 17,4%.  

Roma segnala un 78,3% di inquilini che già vivevano nella capitale, mentre gli inquilini in arrivo da altre province e dall’hinterland si attestano rispettivamente al 15,7% ed al 6,0%. Rispetto ad un anno fa aumenta la percentuale di coloro che arrivano da altre province, si passa dal 10,0% all’attuale 15,7%, ed aumenta anche la percentuale di persone in arrivo dalla provincia di Roma che sale dal 3,3% al 6,0%.

Napoli e Palermo sono le città che segnalano le percentuali più basse di affitti conclusi da persone in arrivo da altre province, rispettivamente solo il 4,5 ed il 4,7%. La maggior parte degli inquilini infatti è già residente in città, in particolare a Napoli dove si tocca il 92,4%. Si tratta infatti di mercati alimentati soprattutto da coppie e famiglie già residenti in città, mentre si registra una bassa presenza di lavoratori trasfertisti e di studenti universitari.