Notizie su mercato immobiliare ed economia

Reddito inclusione, requisiti e come richiederlo

Autore: Redazione

Il reddito di inclusione (Rei) ha ottenuto il via libera definitivo dopo il secondo esame in Consiglio dei ministri. La misura di contrasto alla povertà partirà il 1° gennaio 2018 e sarà vincolata all’adesione di un progetto personalizzato per trovare un lavoro. Si tratta di un assegno mensile di importo variabile dai 190 fino ai 485 euro in caso di famiglie molto numerose per una durata massima di 18 mesi. Prima di poterlo richiedere di nuovo sarà necessario che trascorrano almeno 6 mesi dall’ultima erogazione.

Reddito di inclusione, requisiti

Il reddito di inclusione sarà destinato alle famiglie con:

  • un Isee non superiore ai 6.000 euro;
  • un reddito equivalente non superiore a 3.000 euro;
  • un valore del patrimonio immobiliare, diverso dalla prima casa, non superiore ai 20.000 euro;
  • un patrimonio mobiliare (depositi, conti correnti) massimo tra i 6.000 e i 10.000 euro a seconda del numero dei componenti del nucleo.

Potranno accedere al beneficio i cittadini italiani, i cittadini comunitari, i familiari di cittadini italiani o comunitari, non aventi la cittadinanza in uno Stato membro, titolari del diritto di soggiorno o diritto di soggiorno permanente, i cittadini stranieri in possesso del permesso di soggiorno Ce per soggiornanti di lungo periodo, i titolari di protezione internazionale (asilo politico, protezione sussidiaria), che siano residenti in Italia da almeno due anni al momento della presentazione della domanda.

Non potranno ottenere il Rei i proprietari di imbarcazioni o auto e moto immatricolati nei 24 mesi precedenti la richiesta del sussidio.

Almeno nella fase iniziale, verrà data priorità alle famiglie con figli minorenni o disabili, donne in stato di gravidanza o disoccupati over 55.

Reddito di inclusione, come richiederlo

Le domande per ottenere il reddito di inclusione potranno essere presentate a partire dal 1° dicembre 2017. Ricevuta la domanda, il Comune raccoglierà la richiesta, verificherà i requisiti di cittadinanza e residenza e la invierà all’Inps entro 10 giorni lavorativi dalla ricezione.

Entro 5 giorni, l’Inps verificherà il possesso dei requisiti e, in caso di esito positivo, riconoscerà il beneficio. Lo strumento di accesso al beneficio sarà la carta Rei, dove verrà caricato l’importo. Si tratta di una carta con cui sarà possibile acquistare una serie di beni, utilizzabile anche come bancomat per prelevare fino alla metà dell’importo erogato mensilmente.

Articolo visto su
Agenzia (Agenzia)