Notizie su mercato immobiliare ed economia

Offerte internet a casa, perché conviene cambiare operatore

Un’indagine di SosTariffe.it evidenzia che si possono risparmiare fino a 159 euro l’anno evitando gli effetti della rimodulazione

Gtres
Gtres
Autore: Redazione

Avere una connessione internet a casa è diventato oramai imprescindibile. Ma spesso la bolletta mensile potrebbe pesare sull’economia famigliare più del dovuto. Per questo il sito SosTariffe.it ha stilato una lista di consigli per risparmiare. Ma come?

Il problema principale, in tema di aumento dei costi, è la rimodulazione delle tariffe, una pratica molto diffusa nel mercato di telefonia italiano, tanto fisso quanto mobile. Nel caso specifico degli abbonamenti per internet a casa (che comprendono anche l’utilizzo del telefono), le rimodulazioni contrattuali spesso possono comportare aumenti molto elevati.

Ma come rendersene conto? Di solito gli operatori informano i clienti tramite sms o comunicazione in fattura. Nemmeno a dirlo, quasi sempre le rimodulazioni comportano peggiori condizioni economiche per il consumatore che, in alcuni casi, può essere accompagnata anche dalla trasformazione di servizi gratuiti in servizi a pagamento.

Ma ci sono alcune contromisure utili. Secondo SosTariffe.it, per difendersi dai rincari si può cambiare operatore per attivare una delle migliori offerte Internet a casa del momento, in questo modo si possono risparmiare fino a 13 euro al mese e, quindi, 159 euro in un anno.

L’Osservatorio di SosTariffe.it ha evidenziato che nel corso del biennio 2018-2019 i canoni dei “vecchi clienti” (utenti che avevano aderito a tariffe internet fisso, oggi non più in promozione, almeno tre anni fa) hanno registrato una rimodulazione media di circa 2,32 euro al mese. Il che significa che c’è stato un rincaro medio annuale di 27,87 euro.

Secondo i dati raccolti, la spesa media di questi clienti prima della rimodulazione tariffaria era di 38,22 euro al mese e 459,96 euro annui. Dopo le rimodulazioni, i “vecchi clienti” hanno dovuto fare i conti con un canone mensile medio pari a 40,65 euro (487,83 all’anno).

Per risparmiare sui costi dell’abbonamento internet a casa bisogna quindi monitorare le offerte per i nuovi clienti. Il canone medio delle offerte per nuovi clienti attualmente è di 27,36 euro al mese (328,34 euro all’anno).

I “vecchi clienti” che scelgono di cambiare operatore possono risparmiare, in media, circa 13,29 euro al mese (159,49 euro su base annuale). Come previsto dalla normativa vigente, è possibile recedere dal contratto senza pagare costi di disattivazione o penali comunicando la volontà di esercitare il diritto di recesso al proprio operatore entro il giorno prima della data di avvio della modifica contrattuale.