Notizie su mercato immobiliare ed economia

730/2021, con il pagamento in contanti nessun diritto alle detrazioni

Gtres
Gtres
Autore: Redazione

Brutte notizie per i contribuenti alle prese con il modello 730/2021. I pagamenti effettuati in contanti infatti durante l'anno di imposta 2020 non danno diritto alle consuete detrazioni fiscali del 19%, per usufruire delle quali è necessario che i versamenti siano stati fatti in modo tracciabile

Dall'anno di imposta 2020, e quindi dal modello 730/2021, la detrazione dell'imposta lorda nella misura del 19% cento spetta solo nel caso in cui le spese siano state effettuate utilizzando un versamento bancario o postale o altri sistemi di pagamento tracciabili. Nessuna detrazione, quindi, con sistemi di pagamento in contanti.

Ma come si dimostra che il pagamento è avvenuto tramite strumenti tracciabili e non in contanti? Presentando una ricevuta del bancomat, un estratto conto, una copia del bollettino postale o del Mav o dei pagamenti con PagoPA. Anche la ricevuta fiscale, la fattura o qualsiasi altro documento commerciale rilasciato dal commerciante fa fede.

Quali sono le spese che danno diritto alla detrazione del 19% e devono essere state effettuate con strumenti tracciabili e non i contanti?

  • le spese funebri;
  • le spese per l’assistenza personale;
  • le spese per attività sportive per ragazzi;
  • le spese per intermediazione immobiliare;
  • canoni di locazione per gli affitti degli studenti universitari fuori sede;
  • le erogazioni liberali;
  • le spese relative a beni soggetti a regime vincolistico;
  • le spese veterinarie;
  • i premi per assicurazioni sulla vita e contro gli infortuni;
  • le spese sostenute per l’acquisto di abbonamenti ai servizi di trasporto pubblico locale, regionale e interregionale.

Spese mediche pagamenti tracciabili o in contanti?

Anche le spese mediche rientrano tra le detrazioni che si perdono se si paga in contanti e non con strumenti tracciabili? Su questo tema, c'è invece una buona notizia. Per particolari tipi di spese, infatti, a fare fede è il cosiddetto scontrino o fattura parlante rilasciato dall'esercente. Non a caso già da anni l'Agenzia delle Entrate riporta tali spese direttamente nel modello 730.

Vediamo quali sono le spese mediche che si possono pagare in contanti non perdendo il diritto alla detrazione fiscale:

  • i farmaci;
  • dispositivi medici, come occhiali, prodotti ortopedici, ausili per disabili,
  • visite mediche presso strutture pubbliche;
  • visite mediche presso strutture private accreditate con Sistema Sanitario Nazionale.