Notizie su mercato immobiliare ed economia

La cedolare secca è partita malissimo. Di chi è la colpa?

foto: stevendepolo (flickr.com cc)
Autore: Redazione

Doveva essere la rivoluzione per il settore degli affitti e invece siamo di fronte ad un flop. La cedolare secca sugli affitti, l'aliquota unica sui canoni da locazione, avrebbe dovuto far emergere il nero, incentivare i proprietari ad affittare e migliorare il mercato delle locazioni. Le previsioni del gettito per il 2011 erano di 2,6 miliardi di euro. Invece siamo di fronte a 329 milioni di entrate. Un vero flop, ma di chi è la colpa?

I dati del ministero non sono ancora definitivi, ma per quanto possano migliorare non raggiungeranno mai le previsioni. Ci troviamo dunque dinanzi a dei numeri che, se tutto va bene, rappresenteranno il 10-15% delle aspettative

Eppure la tassazione forfettaria al 21% sui canoni ordinari e al 19% su quelli concordati sarebbe dovuta risultare ben più attraente. L'alternativa è infatti quella tradizionale di sommare il reddito da locazione agli altri redditi e pagare tutto con l'irpef, arrivando a una tassazione ben più alta

Proviamo a presentare alcune ipotesi sul perché di tale flop:

- I proprietari continuano semplciemente ad affittare in nero: non pagare niente è meglio che pagare il 20%

- I proprietari sono poco informati e non sanno come esercitare l'opzione

- La maggior parte degli interessati eserciterà l'opzione dal 2012 perché la cedolare è stata approvata a marzo 2011

- Molti prorpietari, essendo grandi evasori, dichiarano redditi molto bassi, al di sotto dei quali non conviene esercitare l'opzione della cedolare secca

Un fattore che è decisamente venuto a mancare è la lotta agli affitti in nero. Da un lato i comuni avrebbero dovuto partecipare nello scovare chi non registra i contratti d'affitto, con un incentivo premio. Ma evidentemente non si è avuto l'effetto sperato

Dall'altro lato gli inquilini avrebbero dovuto partecipare all'emersione del nero, con la denuncia dei proprietari e le conseguenti pesanti sanzioni. Ma, come noi di idealista abbiamo avuto modo di verificare, denunciare un affitto in nero all'agenzia delle entrate non è per nulla facile (vedi notizia)

Resta l'ipotesi più ottimistica. I proprietari si sommeranno in massa alla cedolare secca a partire dall'anno prossimo. Per cominciare nella bozza del modello 730 pubblicata a gennaio compare già l'opzione per l'aliquota unica. Staremo a vedere

Sei un proprietario e hai scelto la cedolare secca? raccontaci la tua esperienza

Articolo visto su
(Italia oggi)