Notizie su mercato immobiliare ed economia

Assoedilizia: invece di tartassare gli italiani dobbiamo far fruttare gli immobili pubblici

Autore: Redazione

Assoedilizia continua nella propria campagna contro l'accanirsi della tassazione sulle case. L'ormai famosa imu, e la futura revisione del catasto, sono giudicate infatti dall'associazione dei costruttori edili come un peso per la crescita e il consumo. Per questo lancia una proposta concreta per far fruttare gli immobili pubblici

Pubblichiamo di seguito il comunicato stampa di assoedilizia

Per ripianare il debito pubblico gli italiani comperano i beni dello stato e degli altri enti pubblici.

Questa l'operazione che dovrebbe essere varata dal governo, attraverso una offerta al pubblico di vendita di titoli emessi da appositi fondi, titoli rappresentativi dei beni conferiti nei fondi stessi

In altri termini, non più alienazioni materiali dirette dei beni pubblici, ma collocamento di titoli rappresentativi degli stessi beni

Secondo il presidente di assedilizia achille colombo clerici:

"I beni ed i risparmi dei privati sono l'extrema ratio ai fini del ripianamento del debito pubblico. Non ci devono essere più alibi per il mondo politico e per l'amministrazione. Prima di pensare a tassare i patrimoni privati per abbattere il debito pubblico riducendone conseguentemente il costo, è necessario che lo stato e gli enti pubblici, locali e non, pensino a dismettere il patrimonio di proprietà pubblica, mobiliare ed immobiliare che peraltro è immenso; patrimonio creato dallo stato a spese dei cittadini stessi, comprendente immobili (edifici e terreni, strumentali e non) società commerciali, industriali, di servizi

C'è una via semplice e lineare: questi beni vanno dismessi e monetizzati attraverso il loro conferimento in appositi fondi (gestiti da sgr-società di gestione), creando un sistema di titoli e warrants  rappresentativi dei beni stessi: titoli che andranno collocati nel mercato del risparmio diffuso, attraverso apposite offerte di vendita al pubblico, devolvendo il ricavato direttamente alla riduzione del debito pubblico

Al fine di rendere economicamente competitivo l'investimento in questi titoli, ove la remuneratività non possa derivare dalla redditività dei beni rappresentati, è necessario incorporare la redditività stessa nel prezzo di collocamento, in modo tale da rendere appetibile l'acquisto

Un sistema di sgr ( società di gestione del risparmio) dovrà attivarsi per gestire al meglio, realizzando nel tempo anche una redditività diretta dei beni, i fondi medesimi

Non più quindi, come è avvenuto nel passato, dismissioni attraverso alienazioni dirette dei beni a singoli operatori, ma creazione di un sistema di titoli di proprietà dei beni pubblici, posseduti dai cittadini italiani

Articolo visto su
(idealista.it/news)