Notizie su mercato immobiliare ed economia

Imu, potrebbe tornare a dicembre come service tax. E i conti non tornano sulla prima rata

Autore: Redazione

Quella dell'imu è una partita ancora aperta. Il presidente della corte dei conti ha espresso i suoi dubbi sull'affidabilità delle coperture indicate dal governo per la cancellazione della prima rata. E l'esecutivo pensa di battere cassa a dicembre introducendo già da fine anno la service tax

Prima rata

Nel mirino dei magistrati contabili c'è il condono concesso ai concessionari di slot da cui dovrebbero arrivare circa 600 milioni. In realtà solo una parte dei 2,4 miliardi necessari all'abolizione della prima rata. "Finora- ha affermato raffaele squiteri- non c'è stata nessuna adesione da parte dei concessionari condannati per aver violato gli obblighi di servizio al mancato collegamento delgi apparecchi alla rete telematica". Fino al momento sono arrivati pagamenti solo per 13000 euro

L'appello dei cinque stelle

Dopo la relazione della corte dei conti, il movimento cinque stelle ha lanciato un appello al presidente napolitano perché non firmi il disegno di legge di conversione del decreto imu. Secondo i grillini il decreto sull'imu è incostituzionale perché "in relazione alla sanatoria sui giochi d'azzardo il governo ha tentato, è il caso di dirlo, un azzardo che non andrà in porto"

Il saldo di dicembre

Se ci sono dubbi sulla copertura per la cancellazione della prima rata, non si sa bene cosa accadrà al saldo di dicembre. Già il responsabile economico del pd Matteo colannino ospite di agorà aveva ventilato la possibilità di riaprirel la seconda rata dell'imu, perché "vanno trovati sei miliardi e mezzo che non crei con la bacchetta magica"

E la mossa del governo a questo punto si chiamerebbe service tax, da introdurre già a partire da fine anno. Un'imu mascherata insomma. L'anticipo al 2013 dell'imposta unica sui servizi potrebbe fruttare quasi 3 miliardi, 700 milioni in più di quelli previsti dalla seconda rata. Non bisogna dimenticare che nel decreto sull'imu non vi è traccia della cancellazione della seconda rata