Notizie su mercato immobiliare ed economia

Mini imu prima casa, ecco come si calcola

l'aliquota standard per l'imu prima casa è il 4 per mille
Autore: Redazione

 

Entro il 24 gennaio i contribuenti dovranno pagare la mini imu, versando il 40% della differenza tra l'imposta calcolata con l'aliquota decisa dal comune e quella standard del 4 per mille. Ecco passo a passo come si calcola l'imposta

- Individuare la base imponibile- prima di tutto bisogna partire dal valore catastale dell'immobile posseduto. La rendita deve essere rivalutata del 5% e moltiplicata per il coefficiente (per le abitazione è 160)

- Applicare l'aliquota deliberata dal comune- il valore così ottenuto deve essere moltiplicato l'aliquota deliberata dal comune di residenza per la prima casa. Alla cifra devono essere poi applicate le detrazioni ( 200 euro fisse per la prima casa più 50 euro per ogni figlio)

- Applicare l'aliquota standard- adesso bisogna calcolare il valore dell'imposta con l'aliquota standard, del 4 per mille, con un procedimento analogo al precedente

idealista ti aiuta ad effettuare questi calcoli con la sua calcolatrice

- Calcolare la differenza- bisogna sottrarre l'imposta ottenuta applicando l'aliquota standard con quella ottenuta applicando l'aliquota deliberata dal comune

- La mini imu- a questo punto per calcolare l'importo è sufficiente determinare il 40% della differenza suddetta (che secondo il decreto emanato dal governo è la parte che spetta al contribuente). Il restante 60% verrà corrisposto dallo stato

Secondo il ministro saccomanni, non c'è da aver paura, in quanto la "mini imu costerà solo il 10% di quanto sarebbe stato dovuto". Ha inoltre ribadito che il governo non poteva farsi carico delle decisioni ad hoc prese dai comuni (quelle di alzare le aliquote) dopo l'annuncio del governo di sospendere il versamento dell'imposta sulla prima casa per il 2013

Ti potrebbe interessare

Mini imu prima casa, ecco chi dovrà pagarla

Mini imu, l'elenco completo dei comuni con le relative aliquote

Mini imu, tutti i chiarimenti del ministero dell'economia