Notizie su mercato immobiliare ed economia

L'ennesima occasione mancata: Mef, la riforma del catasto non si farà

Autore: Redazione

Il viceministro dell'Economia, Enrico Morando, ha confermato: "La riforma del catasto non si farà perché avrebbe un costo politico troppo elevato". Ma la cosa era già nell'aria, considerando lo stop arrivato a giugno 2015 sul secondo dei decreti attuativi e la prossima scadenza della legge delega. Un'altra occasione mancata per mettere mano a un sistema ormai più che datato e a valori catastali con divari sempre più ampi rispetto ai prezzi di mercato delle abitazioni.

Uno dei progetti di più diffuso interesse per i cittadini (basi pensare che riguarda quasi 35 milioni di abitazioni") è destinato a restare una delle tante opere incompiute del nostro Paese. Troppo alto il costo politico di una riforma destinata ad aumentare il gettito fiscale su molti contribuenti che oggi godono di benefici ormai senza più ragione di essere (basti pensare a chi abita nelle vecchie case popolari) e che perseguiva quello che molti consideravano un mito dell'invarianza di gettito.

Una riforma del sistema catastale – ha detto Morando - avrebbe un costo politico troppo elevato. Neppure il governo Renzi è riuscito a non far scadere la legge delega. Mi sento di escludere che possa farcela. Toccherà ad un governo di nuovo insediamento riscrivere la riforma e farla approvare nei primi mesi in Parlamento”.