Notizie su mercato immobiliare ed economia

"L'affitto intercetta una domanda crescente della popolazione rendendo la città più ospitale"

Autori: @Annastella Palasciano, luis manzano

Rallentata, svuotata, affaticata. Così appare la città di Milano agli occhi di Gabriele Rabaiotti, assessore alle Politiche abitative e alla casa del Comune di Milano, primo degli illustri relatori di immonext 2017. Seppur protagonista di performance straordinarie, anche il capoluogo meneghino non è capace di rispondere adeguatamente alla domanda crescente di una fetta importante della popolazione e di apparire veramente accogliente. Ecco allora che diventa cruciale che pubblico e privato trovino un punto d'accordo per stimolare l'offerta di abitazioni in locazione a canone calmierato, che risponde all'esigenza dei tanti giovani che chiedono di entrare progressivamente nel mondo immobiliare.

"Come amministratori pubblici - ha esordito Rabaiotti - dobbiamo far funzionare la città, capire dove sta andando e intervenire per modificarla. In questo momento di crisi, in seguito all'allentamento delle politiche abitative che dovevano ridurre le distanze sociali, si è rifatta viva la disuguaglianza. Milano porta in sé alcuni caratteri che ne minacciano la performance futura e oggi appare rallentata, svuotata, affatticata, con un patrimonio immobiliare in locazione che si è ridotto dal 50% degli Anni '70 a un insufficiente 30%".

"Se l'accoglienza si costruisce con efficaci politiche abitative, l'affitto è capace di rendere ospitale la città, perché intercetta la domanda dei giovani con la loro esigenza di mobilità e di entrata progressiva nel mondo immobiliare, anche a causa delle mutate condizioni socio-economiche". "In questo contesto, come amministratori pubblici - ha affermato l'assessore - abbiamo messo in atto politiche di natura fiscale e urbanistica, come l'aggiornamento degli accordi territoriali per gli affitti a canone concordato, l'istituzione di una agenzia sociale per la locazione e la stipula di protocolli di intesa con i player dell'intermediazione immobiliare".

"La soluzione - ha concluso Rabaiotti - passa anche attraverso il rafforzamento delle infrastrutture urbane e il superamento dello schema bipolarizzato tra affitto pubblico e proprietà privata, sempre meno accessibile".