Notizie su mercato immobiliare ed economia

Cosa controlla l’Agenzia delle Entrate? Le spese e i profili sotto la lente del Fisco

Gtres
Gtres
Autore: Redazione

L’incubo più o meno dichiarato di qualsiasi cittadino. Perché, che si stia con la coscienza a posto o meno, un accertamento del Fisco non è mai una bella notizia e difficilmente fa dormire sonni tranquilli. Vediamo, quindi, cosa controlla maggiormente l’Agenzia delle Entrate.

Il Fisco, infatti, ha accesso diretto praticamente a tutti i dati dei contribuenti: guadagni, datore di lavoro o clienti, spese sostenute e così via. E, oltretutto, l’ultima legge di bilancio ha stretto ulteriormente le maglie dei controlli. Il sito laleggepertutti.it ha fornito un’analisi dei fattori che fanno scattare maggiormente gli accertamenti dell’Agenzia delle Entrate.

I soggetti che rischiano maggiormente, secondo laleggepertutti.it, sono proprio i professionisti. Specialmente perché i redditi dei lavoratori dipendenti, essendo già tassati in busta paga, non hanno bisogno di ulteriori accertamenti. Al contrario dei professionisti, che potrebbero anche non dichiarare i redditi reali.

Per i suoi accertamenti, l’Agenzia delle Entrate utilizza strumenti noti quali il redditometro, il risparmiometro, oltre ai controlli incrociati tra giacenze e movimenti sui conti corrente con i redditi e i patrimoni dichiarati dal contribuente stesso. Così facendo, a seconda delle attività esercitate, l’Agenzia delle Entrate può controllare con efficacia le categorie da mettere sotto la lente per la verifica fiscale.

Ma quali sono le voci di spesa che vengono maggiormente incrociate con i redditi dichiarati e a disposizione del contribuente (professionista o dipendente) finito sotto accertamento? Sempre secondo laleggepertutti.it, sono le seguenti:

  • canoni di locazione di un immobile;
  • auto di lusso;
  • assicurazioni auto;
  • viaggi;
  • lavori di manutenzione dell’appartamento;
  • visite specialistiche;
  • mutuo per l’acquisto di un’immobile;
  • smartphone;
  • abbonamenti;
  • collaboratori domestici;
  • centri benessere e cura della persona;
  • ristoranti.