Notizie su mercato immobiliare ed economia

Come il decreto Sostegni bis cambia le principali scadenze del calendario fiscale 2021

LUM3N da Pixabay
LUM3N da Pixabay
Autore: Redazione

La definitiva approvazione del decreto Sostegni bis, tra i vari effetti, ha contribuito a modificare anche il calendario fiscale 2021. Vediamo come cambiano le principali scadenze.

Le principali conseguenze del decreto Sostegni bis sul calendario fiscale si hanno anche sulle scadenze per riscuotere le cartelle esattoriali, con una proroga allo stop della notifica di altri due mesi (fino al 31 agosto 2021). Pertanto, il termine per il pagamento slitta al 30 settembre.

Discorso simile anche per la cosiddetta pace fiscale. Il decreto Sostegni bis, infatti, ha rivisto il calendario fiscale 2021 anche per quanto riguarda le scadenze delle rate per chi ha sottoscritto rottamazione ter o saldo e stralcio delle cartelle. Inizialmente, infatti, era previsto che tutte le rate fossero saldate entro il 31 luglio. Invece ora l’appuntamento con l’Agenzia delle Entrate è spalmato su più date (4):

  • 31 luglio (ma il 2 agosto è il primo giorno feriale) per le rate sospese e che erano dovute il 28 febbraio e 31 marzo 2020;
  • il 31 agosto,
  • il 30 settembre;
  • il 31 ottobre per quelle successive.

Mentre per chi sceglie di pagare in un’unica soluzione la data da ricordare è quella del 30 novembre. Per il versamento saldo e stralcio delle rate 2020, in scadenza il 2 agosto, è stata introdotta una proroga spalmata su due date: prima rata sempre il 2 agosto e la seconda il 30 settembre.

In definizione anche la cancellazione del saldo Imu 2021, che scade il 16 dicembre 2021 per i proprietari delle abitazioni bloccate dal 28 febbraio 2020 per la sospensione degli sfratti fino al 30 settembre o 31 dicembre 2021. Chi già avesse pagato entro il 16 giugno l’acconto Imu si vedrà restituire la somma sotto forma di credito d’imposta.

Inoltre, il versamento della prima o unica rata della rivalutazione di quote e terreni detenuti al 1° gennaio 2021 è stata spostata dal 30 giugno al 15 novembre. Mentre il versamento delle imposte sui redditi, Irap o sostutive soggette agli Isa o nel regime forfettario, viene spostato dal 20 luglio al 10 settembre.