Notizie su mercato immobiliare ed economia

Bonus assunzioni under 36, le regole dell'Inps per beneficiare dell'esonero contributivo

Gtres
Gtres
Autore: Redazione

L'Inps ha reso note le modalità operative e le istruzioni relative al bonus assunzioni under 36. Ecco quanto spiegato dall'Istituto nazionale di previdenza sociale con il messaggio n. 3389 in merito all'esonero contributivo per i datori di lavoro che tra il 1° gennaio e il 31 dicembre 2021 assumono con contratto a tempo indeterminato giovani che non abbiano compiuto 36 anni o ne stabilizzano il rapporto a termine.

Quali sono le regole per ottenere il bonus assunzioni under 36? Con il messaggio n. 3389, l'Inps ha offerto le indicazioni e le istruzioni per la gestione degli adempimenti previdenziali connessi al bonus assunzioni giovani 2021, limitatamente alle assunzioni/trasformazioni a tempo indeterminato effettuate nel periodo 1° gennaio 2021 – 31 dicembre 2021 e ha spiegato che "per quanto attiene all'esonero contributivo relativo alle eventuali assunzioni/trasformazioni a tempo indeterminato effettuate nel periodo 1° gennaio 2022 – 31 dicembre 2022, le istruzioni riguardanti la fruizione dell'esonero saranno fornite all'esito del procedimento di autorizzazione da parte della Commissione europea, ai sensi dell'articolo 108, paragrafo 3, del Trattato sul funzionamento dell'Unione europea e nel rispetto delle condizioni previste dalla normativa applicabile in materia di aiuti di Stato".

Con il suo messaggio, l'Inps ha precisato in che modo compilare la denuncia Uniemens con i codici da esporre nel flusso a partire dal mese di competenza di settembre 2021, quindi ad ottobre.

Bonus assunzioni giovani 2021, di cosa si tratta

Si ricorda che il bonus assunzioni under 36 è stato previsto dalla legge di Bilancio 2021 al fine di promuovere l'occupazione giovanile stabile. Secondo quanto previsto dalla disposizione, per le assunzioni a tempo indeterminato e per le trasformazioni dei contratti a tempo determinato in contratti a tempo indeterminato effettuate nel biennio 2021-2022, l'esonero è riconosciuto nella misura del 100%, per un periodo massimo di trentasei mesi, nel limite massimo di importo pari a 6.000 euro annui, con riferimento ai soggetti che alla data della prima assunzione incentivata non abbiano compiuto il trentaseiesimo anno di età.

La durata del bonus assunzioni giovani 2021 è riconosciuta per un periodo massimo di quarantotto mesi ai datori di lavoro privati che effettuino assunzioni in una sede o unità produttiva ubicata nelle seguenti regioni: Abruzzo, Molise, Campania, Basilicata, Sicilia, Puglia, Calabria e Sardegna.

Il bonus assunzioni under 36 è riconosciuto a tutti i datori di lavoro privati, compresi i datori di lavoro del settore agricolo, a prescindere dalla circostanza che assumano o meno la natura di imprenditore. La misura non si applica nei confronti della Pubblica Amministrazione, non può essere riconosciuta nei riguardi delle imprese del settore finanziario e non può trovare applicazione per i rapporti di apprendistato e per i contratti di lavoro domestico. L'esonero contributivo non è inoltre cumulabile con "altri esoneri o riduzioni delle aliquote di finanziamento previsti dalla normativa vigente, limitatamente al periodo di applicazione degli stessi".