Notizie su mercato immobiliare ed economia

Investimenti immobiliari 2020, le previsioni di Gabetti per il post-Covid

Gtres
Gtres
Autore: Redazione

Il 2020 si è aperto con investimenti immobiliari pari a 1,6 miliardi di euro, trainati soprattutto dal retail, che ha rappresentato il 42% del totale, e dagli uffici, con il 20% del totale. L’andamento e le previsioni per i prossimi mesi secondo l’overview di Gabetti.

Il volume di investimenti in retail è stato di 680 milioni di euro mentre per l’office si parla di 326 milioni di euro. La maggiore concentrazione di immobili a uso direzionale si è vista sul mercato di Milano che, da solo, ha totalizzato un volume pari a 170 milioni di euro, il 52% del totale investito. Per quanto riguarda la provenienza dei capitali, gli operatori stranieri sono stati i più attivi, in particolare gli investitori tedeschi seguiti dai francesi.

Gabetti
Gabetti

Per meglio valutare il calo degli investimenti che ha interessato i diversi settori corporate nei primi tre mesi del 2020, e in modo particolare in marzo, è indispensabile considerare due aspetti: oltre a una fisiologica diminuzione a seguito di un ottimo 2019, l’emergenza causata dal Covid-2019 ha inevitabilmente impattato i risultati soprattutto nell’ultima parte del trimestre.

Gabetti
Gabetti
Previsioni 2020 per il mercato immobiliare non residenziale

Gli scenari futuri su tutti i settori rimangono incerti. È comunque prevedibile un minor numero di transazioni rogitate nel secondo trimestre, a seguito anche della sospensione di alcune trattative. Così come è altamente ipotizzabile che il settore uffici manterrà una certa vitalità con alcune rimodulazioni degli spazi a uso ufficio, per l’adeguamento alle nuove norme igienico-sanitarie. Il settore della logistica, sostenuto dall’importante ruolo giocato dall’e-commerce e dall’esplosione delle consegne a domicilio, risulterà essere il meno penalizzato, mentre il settore retail e quello alberghiero saranno gli asset class che subiranno più direttamente gli impatti della pandemia.

Gabetti
Gabetti

“I volumi investiti nel primo trimestre 2020 sono frutto principalmente dell’attività svolta alla fine del 2019, - afferma Claudio Santucci, Direttore Settore Capital Market Italia Gabetti Agency. - Ciò detto, per quanto riguarda i prossimi mesi, alla luce del recente lockdown e degli effetti dell’emergenza Covid-19, prevediamo un minore dinamismo degli investimenti nel secondo e terzo trimestre e una possibile ripresa per il quarto 2020. Tali pronostici potrebbero essere rivisti in chiave positiva, qualora il Governo metta in atto significative misure a sostegno del settore immobiliare”.

Nello specifico, per quanto concerne il settore retail, da un lato, si sta verificando una pressione della domanda verso la Gdo, con una maggiore richiesta di servizi integrati alla logistica per la consegna a domicilio; dall’altro il lockdown e le difficoltà attuali stanno pesando sui negozi, con una conseguente richiesta di riduzioni dei canoni di locazione. Anche i punti vendita del lusso nelle high street stanno patendo, a causa della forte contrazione del turismo internazionale.

Il settore alberghiero invece sarà innanzitutto condizionato dai provvedimenti necessari a tutelare la salute dei clienti. Inoltre bisognerà fare i conti con la mancanza, o quasi, di turismo straniero fino almeno all’ultima parte dell’anno. In ogni caso la qualità intrinseca del prodotto ricettivo italiano ha pochi eguali al mondo: proprio per questo motivo gli operatori specializzati e gli investitori istituzionali, nazionali e internazionali, continueranno a riservare grande attenzione al settore, nonostante l’evidente calo di fatturato atteso per quest’anno.