Notizie su mercato immobiliare ed economia

Conosci il tuo stipendio netto? Ecco quali sono le trattenute e le detrazioni in busta paga

Autore: Redazione

Sono tante le voci che costituiscono la busta paga. E spesso capire esattamente a quanto ammonta lo stipendio netto non è facile. Vediamo come fare per sapere quanto entra direttamente nel portafoglio.

Per capire a quanto ammonta lo stipendio netto si deve partire dallo stipendio annuo lordo. Un valore dal quale togliere alcune voci, come i contributi previdenziali e le detrazioni Irpef. Bisogna poi considerare alcuni altri elementi, ad esempio avere o meno familiari a carico, avere diritto a un’indennità per infortunio o malattia e il bonus Renzi di 80 euro. Non si deve dimenticare poi che i contratti nazionali collettivi sono diversi in base al settore produttivo a cui appartiene il lavoratore.

Ecco le voci che possono influire sul calcolo dello stipendio netto:

  • contributi previdenziali (cambiano a seconda del contratto collettivo e della categoria del dipendente);
  • detrazioni fiscali (cambiano a seconda del reddito, nel dettaglio: fino a 15.000 euro 23%; tra 15.001 e 28.000 euro 27%; tra 28.001 e 55.000 euro 38%; tra 55.001 e 75.000 euro 41%; sopra i 75.000 euro 43%);
  • familiari a carico ed eventuale disabilità di qualcuno di loro;
  • malattia o maternità;
  • infortunio;
  • buoni pasto o mensa aziendale;
  • assegni familiari;
  • Tfr;
  • tredicesima e quattordicesima se prevista dal contratto nazionale;
  • ferie non godute;
  • bonus 80 euro (dal 2016 convertito in detrazione).

Nel complesso, la differenza tra lo stipendio lordo e lo stipendio netto è del 25-40% circa. Ciò significa che se viene stabilita una retribuzione lorda di 2.000 euro, il lavoratore porterà a casa tra i 1.200 e i 1.500 euro.