Notizie su mercato immobiliare ed economia

Lavori in smart working? Ecco il contest per farlo in Puglia e su una barca per 10 giorni

Fiurl11 (CC BY-SA 4.0)
Fiurl11 (CC BY-SA 4.0)
Autore: Redazione

All’inizio era semplicemente smart working, poi si è iniziato a parlare di south working. Perché, potendo lavorare da remoto, sempre più persone stanno pensando di trasferirsi o comunque passare i mesi estivi nelle regioni del meridione. È ora arrivato anche sea working, un contest per lavorare 10 giorni su una barca a vela a Brindisi.

Proprio così, sea working è a tutti gli effetti un contest (già scaduto) che offriva l’opportunità di lavorare per dieci giorni (dal 3 al 13 ottobre 2020) da una barca a vela a Brindisi, luogo perfetto per vivere ed essere produttivi in perfetta armonia con se stessi, beneficiando della vista mare e del clima mediterraneo.

Il fortunato smart worker ha usufruito di alloggio e ufficio in barca, con tanto di connessione internet veloce per riuscire a migliorare la propria produttività attraverso esperienze in destinazioni studiate per innalzare le performance lavorative. Nelle pagine del sito viene spiegato anche il fortunato avrà “un assaggio dell'offerta turistica brindisina, grazie a una serie di agevolazioni a misura di smart worker”.

Per partecipare al contest c’era tempo fino al 18 settembre. Il prescelto, nel corso della settimana a Brindisi ha tenuto anche un diario di bordo sul proprio ufficio in barca per testimoniare fin dall’arrivo i benefici dello smart working a Brindisi.

Il progetto, infatti, vuole cavalcare l’ondata di innovazione e di opportunità che sta portando il ricorso massiccio allo smart working, che vede proprio nelle regioni del Mezzogiorno le terre con più prospettiva di crescita. I promotori, infatti, vogliono mettere in evidenza i plus che garantisce Brindisi a uno smart worker: costo della vita più basso rispetto ai grandi centri, mare a portata di mano, ritmi di vita più rilassanti, offerta enogastronomica e culturale.