Notizie su mercato immobiliare ed economia

Il decreto Sostegno conferma la proroga della cassa integrazione 2021

Gtres
Gtres
Autore: Redazione

Il decreto Sostegno tanto atteso interviene per assicurare la proroga della cassa integrazione 2021 a causa del perdurare dell’emergenza covid. Vediamo come richiederla e quando arriva.

Il decreto Sostegno, infatti, per la cassa integrazione 2021 prevede 13 settimane per la CIGO (tra aprile e giugno 2021), 28 per CIGD e Assegno ordinario (tra aprile e dicembre 2021) e 120 giorni per la CISOA. La proroga tanto attesa per via dell’emergenza covid è stata confermata ed è legata alla sospensione o riduzione dell’attività lavorativa.

Le aziende che intendano usufruire della cassa integrazione 2021 per covid hanno tempo per presentare la domanda all’Inps entro la fine del mese successivo a quello in cui ha avuto inizio il periodo di sospensione o di riduzione dell’attività lavorativa. Per la prima applicazione della Cig, il termine è fissato entro la fine del mese successivo all’entrata in vigore del decreto Sostegno, quindi entro fine aprile.

Come è già noto, la cassa integrazione 2021 per covid può essere richiesta sia con la formula che prevede il pagamento diretto da parte dell’Inps sia con l’anticipo dell’importo da parte dell’azienda. Nel primo caso restano applicabili le regole sull’anticipazione del 40% previste dal dl 18/2020.

L’azienda o il datore di lavoro sono tenuti a inviare i dati per il pagamento o il saldo della cassa integrazione 2021 direttamente all’Inps entro il mese successivo alla cassa o entro 30 giorni dal provvedimento di concessione. Per la prima applicazione della cassa integrazione 2021 per covid, i termini sono spostati entro il trentesimo giorno successivo alla data di entrata in vigore del decreto Sostegno.

Una volta intervenuta la scadenza prevista, il pagamento della cassa integrazione 2021 e gli oneri rimangono a carico del datore di lavoro inadempiente. In sostanza, valgono le stesse regole applicate per la CIG Covid nel 2020. Anche per quanto riguarda i Fondi, l’erogazione dell’Assegno ordinario avviene con le stesse modalità previste per la CIG.