Notizie su mercato immobiliare ed economia

Mutui per le ristrutturazioni, è boom, ecco come funzionano

le ristrutturazioni non conoscono la crisi
Autore: Redazione

Quando si parla di mutuo si pensa subito all'acquisto della casa, ma non sempre è così. Mutui.it,  il portale online per la scelta del mutuo, ha reso noti i dati di un'analisi che ha preso in esame i finanziamenti richiesti dagli italiani non per comprare, ma per ristrutturare le loro case. Ecco come fare per richiedere un mutuo per la ristrutturazione

Il mutuo ristrutturazione consente di utilizzare i capitali ottenuti per ristrutturare sia gli interni che gli esterni di una casa

Per dare inizio ai lavori è necessario consegnare al comune, che ospita l’immobile, la dichiarazione di inizio lavori (dia), firmata da un tecnico autorizzato e raccogliere i preventivi relativi a tutti gli interventi di ristrutturazione che si intendono portare avanti. Il mutuo ristrutturazione può arrivare fino all’80% del valore dell’immobile

Il grande vantaggio del mutuo ristrutturazione è che il valore dell’immobile preso come riferimento, non è quello attuale, ma quello che la casa raggiungerà a conclusione dei lavori di ristrutturazione

Per richiedere un mutuo ristrutturazione alla banca , è necessario allegare alla consueta documentazione richiesta per i mutui acquisto casa, anche:

- Interventi di manutenzione ordinaria: preventivo di spesa della ditta o del   professionista abilitato che realizzerà i lavori di ristrutturazione;

- Interventi di manutenzione straordinaria: preventivo di spesa , progetto edilizio e   dia (dichiarazione di inizio attività);

- Interventi di ristrutturazione edilizia con grandi opere: preventivo di spesa,   permesso di costruire e, se dovuto, il contributo di costruzione

Il sito ha analizzato oltre 60.000 richieste di mutuo finalizzate alla ristrutturazione, scoprendo delle cose piuttosto curiose. In primis, chi sottoscrive un mutuo per la ristrutturazione è generalmente prudente: nel 44% dei casi preferisce il tasso fisso, mentre solo il 35% del campione esaminato da mutui.it opta per il tasso variabile. Chi richiede questo tipo di finanziamento, inoltre, è abbastanza giovane (ha in media 42 anni), si impegna con l'istituto creditore per più di 20 anni (22,5 il valore medio) e firma un mutuo di 142.000€, pari a poco meno della metà del valore dell'immobile che intende ristrutturare (49,6%)

 

Articolo visto su
Mutui.it