Notizie su mercato immobiliare ed economia

Mutui: più le borse vanno male, più conviene il tasso fisso (grafico)

Autore: Redazione

In queste settimane di turbolenze in borsa e di tensioni economiche, la buona notizia è stata la diminuzione dell'indice euribor. Ma più ancora che i mutui a tasso variabile, se le borse vanno giù i mutui a tasso fisso diventano sempre più convenienti. Ecco perché

I mutui a tasso fisso si calcolano in base all'indice eurirs, a cui poi le singole banche applicano uno spread, ossia il loro guadagno. Il risultato finale è il taeg. Prendiamo un esempio: l'eurirs per un mutuo a 20 anni il 19 agosto, giorno di turbolenze, era sceso al 3,12%. Con uno spread dell'1,2%, ci si potrebbe portare a casa un mutuo a tasso fisso del 4,3% finale, ossia un ottimo mutuo

Guardiamo il grafico: da inizio luglio abbiamo assistito ad una progressiva diminuzione dell'eurirs (prendiamo come esempio quello a 20 anni), passato dal 3.86% al 3.12% del 19 agosto, per poi risalire leggermente al 3,22% il 22 agosto (una giornata buona per le borse). Ma perché se le borse vanno male, l'eurirs scende?

Andamento dell'indice eurirs a 20 anni

Succede perché l'andamento dell'eurirs è strettamente legato a quello del bund tedesco, ossia i titoli di stato della germania. Nei momenti di turbolenza gli investitori si rifugiano nell'oro, nel franco svizzero e nel bund, che trascina con sé l'indice con cui si calcolano i mutui a tasso fisso, che, per così dire, diventano più "sicuri"

Non bisogna però dimenticare che il tasso fisso viene normalmente registrato sul valore del giorno della stipula e non su quello del preventivo. Alcune banche, inoltre, usano la media mensile, anziché il valore giornalierio. In ogni caso, occhio alle borse

Calcola la rata mensile del tuo mutuo con il calcolatore mutui di idealista.it

Articolo visto su
(idealista.it/news)