Notizie su mercato immobiliare ed economia

Polizze assicurative mutui, più trasparenza e maggiori controlli grazie all'accordo tra abi e consumatori

Autore: Redazione

Maggiore trasparenza e concorrenza per le polizze assicurative accessorie ai finanziamenti. Questo è l'impegno preso dagli operatori bancari e finanziari, grazie alla firma di un protocollo d'intesa

Tale protocollo - protocollo d'intesa sulla correttezza e trasparenza nel collocamento delle polizze assicurative firmato da abi, assofin e associazioni dei consumatori - sembra dare un taglio netto al passato. Prevede, infatti, di evidenziare nella documentazione precontrattuale la facoltatività delle polizze, di esporre il costo complessivo del finanziamento con e senza polizza e di estendere il diritto di recesso. Questo, in poche parole, vuol dire: "sempre più trasparenza, libertà di scelta e consapevolezza del consumatore sulle caratteristiche delle diverse tipologie di servizi e prodotti offerti da banche e intermediari finanziari, e su un più agevole accesso ad opportune coperture assicurative per mutui e altri finanziamenti"

Ma andiamo a vedere nel dettaglio cosa prevede il protocollo d'intesa firmato da abi, assofin e associazioni dei consumatori. Per quanto riguarda l'evidenziazione nella documentazione precontrattuale della facoltatività delle polizze è previsto l'inserimento della frase "la/e polizza/e assicurativa/e accessoria/e al finanziamento è/sono facoltativa/e e non indispensabile/i per ottenere il finanziamento alle condizioni proposte"

In riferimento all'esposizione del costo complessivo del finanziamento con e senza la polizza, oltre al taeg, che è già riportato obbligatoriamente nella documentazione precontrattuale, è previsto l'inserimento di un altro indicatore del costo totale del credito, che viene calcolato con le stesse modalità del taeg, includendo le polizze assicurative facoltative

Il protocollo d'intesa, poi, prevede la definizione di accordi con le imprese assicurative per l'estensione del diritto di recesso dalle polizze assicurative facoltative e le relative comunicazioni alla clientela. Banche e società finanziarie che aderiscono al protocollo devono definire accordi con l'impresa o le imprese di assicurazione con cui hanno rapporti commerciali per la promozione e il collocamento di polizze assicurative facoltative accessorie ai finanziamenti. Grazie a tali accordi il consumatore ha la possibilità di recedere dal contratto assicurativo entro 60 giorni dalla data di sottoscrizione