Notizie su mercato immobiliare ed economia

Tassi sui mutui, dopo l’estate 2021 possibili rialzi degli spread bancari?

Gtres
Gtres
Autore: Redazione

A determinare l’andamento dei mutui a tasso fisso e variabile sono i tassi Eurirs ed Euribor. Vediamo come le loro variazioni, e, soprattutto, come gli spread bancari incideranno sull’andamento del mercato dei mutui nei prossimi mesi del 2021 secondo MutuiOnline.it

Tra tassi di interesse ai minimi, ripresa del mercato dopo la pandemia e spinta del Governo ai mutui per i giovani, il mercato dei mutui ha conosciuto un momento di rialzi. Ma cosa aspettarsi dall’andamento dei tassi di interesse dopo l’estate 2021?

Come sappiamo, i tassi dei mutui a tasso fisso dipendono dall’andamento dell’indice Eurirs, mentre quelli dei mutui a tasso variabile discendono dall’Euribor, a cui vanno aggiunti gli spread bancari. Nella prima parte del 2021, a far muovere i tassi dei mutui è stato soprattutto quest’ultimo componente, a fronte di indici dalle variazioni davvero minime; solo l’Irs è salito, nel suo parametro a 20 anni, di tre decimi di punto allo 0,3% mentre l’Euribor è ancora ai suoi record minimi, quindi a far salire i costi medi dello 0,15%, secondo MutuiOnline, è stata soprattutto l’applicazione degli spread delle banche.

Cosa prevedere quindi per i prossimi mesi per chi debba acquistare casa con un mutuo? Le previsioni sembrano andare verso assenza di rialzi e proseguimento della politica accomodante della Bce, quindi dal punto di vista degli indici abbiamo ancora sentore di calma piatta o quasi. Potrebbe però esserci qualche sorpresa da parte delle banche, che potrebbero decidere di ritoccare ulteriormente i propri spread. Meglio quindi approfittare ora del momento di tassi bassi per fare il proprio acquisto di casa con un mutuo.